Resta in contatto

News

Neglia: “Il perché dell’addio al Bari? Alla fine doveva semplicemente andare così”

L’ex attaccante biancorosso elogia i galletti e ripercorre il suo addio sofferto alla maglia indossata per quasi due stagioni

“Il Bari è una squadra molto attrezzata, anche quest’anno ha gli uomini giusti per dire la sua e puntare al massimo. È un campionato con tante compagini attrezzate ma penso che il Bari alla lunga verrà fuori”. Queste le parole dell’ex fantasista biancorosso Samuele Neglia, ancora attaccato alla maglia biancorossa nonostante il travagliato percorso degli ultimi due mercati.

Ai microfoni di Radio Selene, nella trasmissione Passione Bari Extra Time, ha ripercorso il travagliato doppio addio alla squadra di Luigi De Laurentiis: “Mi sono chiesto il perché di questo addio ma evidentemente doveva andare così, sia l’anno scorso che quest’anno. Alla Fermana ho la possibilità di giocare, anche perché in questo sport devi sempre dimostrare qualcosa a ogni età. Adesso quel che è stato conta poco, una volta che la società e io abbiamo preso una decisione ho accantonato quel dispiacere per la situazione anche un pò antipatica che si era venuta a creare. Ci sono state diverse proposte durante il mercato, anche da squadre del gruppo C, e alla fine credo che la soluzione che abbiamo scelto con il rinnovo del contratto a Bari e il passaggio in prestito alla Fermana sia stata la migliore”.

Un percorso simile lo ha avuto Hamlili, anche se quest’ultimo alla fine è rimasto a Bari: “Con Zac ci sentiamo, abbiamo vissuto una situazione analoga e quello che lui ha provato l’ho provato io in prima persona. Non ha nulla di meno dei componenti della rosa e spero che possa togliersi delle soddisfazioni”.

Il Covid ha cambiato il modo di vivere il calcio, sia per i tifosi, sia per i calciatori che ormai, dalla fine del lockdown giocano in stadi vuoti: “I tifosi ti danno brio e gratificazione sugli spalti. Le settimane si vivono ugualmente a prima con la sola differenza di tamponi e test. Ora dobbiamo solo superare questa fase, sperando che non torni acuta come ad aprile. Noi calciatori siamo dei privilegiati ma spero che tutti possiamo recuperare il prima possibile quella leggerezza mentale che oggi manca a tanti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "tutti giocatori di don Vincenzo!"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News