Resta in contatto

Amarcord

CdM – Dieci anni fa quel Bari-Lecce. Mutti: “Ho ancora rabbia”. De Canio: “Gara vera”

Sul Corriere del Mezzogiorno il ricordo di quel derby poi finito davanti alla giustizia sportiva

Quindici maggio 2011, il Lecce vince a Bari e si salva, con i biancorossi già retrocessi in Serie B. Poi è successo di tutto, per quella che secondo la giustizia sportiva fu una partita farsa. Dalle squalifiche (Masiello su tutti, protagonista di un’autorete) alla penalizzazione di cinque punti al Bari e la retrocessione del Lecce dalla B – dov’era finito l’anno seguente – alla C. Il Corriere del Mezzogiorno (a firma di Pasquale Caputi) torna sull’argomento dieci anni dopo, con le dichiarazioni di entrambi i tecnici: “Un decennio che non voglio celebrare – afferma Bortolo Mutti, allenatore del Bari dell’epoca – ogni volta che ci ripenso, mi riempio di amarezza. Qualcuno dimenticò i valori di sport e vita. Accadde peraltro davanti a Matarrese. Il presidente era venuto a incoraggiarci. Voleva che finissimo con dignità e professionalità il nostro lavoro. Sappiamo bene invece cosa accadde”.

All’andata aveva vinto il Bari (Okaka al Via del Mare, ancora vivo nella memoria dei tifosi biancorossi), De Canio aveva rischiato l’esonero. E il tecnico ricorda: “Personalmente ero carico anche per questo, non a caso il martedì successivo a quella vittoria andai in sede, memore di ciò che successe all’andata, e diedi le dimissioni, rinunciando a due anni di contratto. Fu partita vera e lo dimostra il fatto che ci fu anche un giocatore che si ruppe il crociato. Ciò che ha detto dopo Masiello mi ha sorpreso. Certo, se un giocatore si autodenuncia, da parte sua c’è stata evidentemente quell’idea. Ma non cambia ciò che penso: ci salvammo con merito sul campo”.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da Amarcord