Resta in contatto

News

Bari, Frattali: “A Parma le emozioni più grandi della carriera. Che strano sfidare Buffon”

L’estremo difensore si racconta in conferenza stampa dal ritiro di Roccaraso

Pierluigi Frattali, portiere del Bari, parla per la prima volta in stagione in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni ai microfoni di RadioBari:

LA PRIMA DA EX – “Ho passato due anni e mezzo bellissimi lì, lì ho vissuto le due emozioni più grandi della carriera, la promozione in A e l’esordio in A. Sicuramente sarà una partita emozionante, sono felicissimo che sia capitato il Parma alla prima”.

IL PARMA – “Io sono contento perché rivedrò tanti amici, tutte persone con cui ho avuto rapporti incredibili. Il calendario? Alla fine dobbiamo incontrarle tutte, non conta tanto chi incontri ma il periodo in cui incontri ogni squadra. Dovremo essere fortunati anche in quello, cercare di trovare le squadre più forti quando non attraversano i migliori periodi di forma. In tal senso incontrare subito il Parma può essere meglio di incontrarlo più tardi. Se si vedono i calciatori dei gialloblù, diventa impossibile spiegare la classifica della scorsa stagione: davanti ci sono Vazquez, Mann, Mihaila, Tutino e Inglese, a centrocampo c’è Bernabei. Sarà dura”.

LA SFIDA A BUFFON – “Per me che sono cresciuto con il suo mito penso che sia un’emozione grandissima, mi farà strano. Giocare contro il portiere più forte di tutti i tempi non capita a tutti, sarà un motivo in più per fare bene”.

NON CONTA L’ETA’ – “Se sono arrivato alla soglia dei 37 anni ancora a questi livelli e con questa voglia di fare, è perché c’è una passione per questo sport non misurabile. Poi qui mi sento a casa e quando ti senti a casa dai sempre qualcosa in più. Mi piace il mio lavoro, mi piace consigliare i più giovani. Sono contento che sia arrivato un altro portiere molto giovane, un bravo ragazzo con cui mi piace confrontarmi in allenamento”.

CAPRILE – “Non mi va di parlare del lato tecnico, non sono nessuno per poter giudicare. Mi ha colpito molto la sua umiltà, si vede che è un ragazzo con la testa sulle spalle. Ha voglia di imparare, una volta è rimasto in campo a vedermi allenare, lì ho capito che può fare una grande carriera. Ha i comportamenti giusti, la testa giusta, le qualità umane per poter fare bene. Sono contento sia arrivato un ragazzo così, in questo periodo i giovani non sono tutti così. Trovarne uno con questi valori è importante”.

LE GERARCHIE TRA I PALI – “Io ho una mia filosofia: allenarmi sempre come se dovessi giocare. A prescindere dal fatto che uno scenda in campo o no. Noi siamo pagati per allenarci e per dimostrare sul campo il nostro valore, solo così si può migliorare. Lo faccio per me e per insegnare qualcosa ai miei compagni”.

LA SERIE B – “E’ un campionato difficile, ma ogni anno la B è un campionato importante. Quest’anno ci sono piazze importanti, l’ultima volta in cui giocai in B ricordo che il Bari stesso arrivò sesto ma era secondo me la seconda squadra più forte del campionato. Noi dobbiamo farci trovare pronti, poi il campo dirà la sua. Noi però siamo carichi”.

I CALCI DI RIGORE – “Ho avuto la fortuna di pararne tanti in carriera, ogni anno poi fa storia a sé. Quest’anno ci saranno tiratori molto più bravi, vedremo durante il campionato”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News