La Bari Calcio
Sito appartenente al Network

Di Gennaro e il Bari, un amore mai sbocciato

La breve avventura del regista in Puglia, tra infortuni e prove abuliche

Si è esaurita dopo soli cinque mesi l’avventura di Davide Di Gennaro con la maglia del Bari. Otto presenze, 228 minuti in campo con poche luci e tanti intoppi. Ma l’esperienza in biancorosso era partita con ben altri auspici.

L’ARRIVO – Di Gennaro giunge a Bari a mercato terminato, da svincolato, nonostante le voci rimbalzate tutta l’estate su un suo possibile approdo alla corte di Mignani. Nonostante sia a corto di preparazione e in ritardo di condizione, il tecnico lo lancia a gara già virtualmente chiusa contro il Monterosi: il regista gioca diciassette minuti e impressiona il pubblico con giocate non banali.

L’INFORTUNIO – Dopo due panchine con Picerno e Catania, per Di Gennaro si spianano le porte dell’esordio dal 1′: al San Nicola arriva la Paganese ma, dopo solo un quarto d’ora, il centrocampista milanese è costretto a dare forfait per un problema al ginocchio. La diagnosi esclude guai a legamenti e menischi ma evidenzia una “sollecitazione del comparto esterno del ginocchio destro” che tiene fuori Di Gennaro per un mese.

IL RIENTRO E LA NUOVA CHANCE – Di Gennaro torna in campo (per dodici minuti) nel successo importante che il Bari coglie contro il Catanzaro. La settimana successiva disputa tutto il secondo tempo a Castellammare di Stabia, sprecando però una buona chance nel finale di gara. La svolta potrebbe arrivare nel successivo match interno contro la Vibonese: Mignani lo schiera nuovamente dal 1′ ma la prova è priva di lampi e complessivamente deludente. Dopo arrivano cinque panchine di fila, intervallate da uno spezzone di gara nel derby contro il Taranto, quando ricopre l’inedito ruolo di trequartista negli ultimi venti minuti.

L’ULTIMA OCCASIONE E L’ADDIO – I dubbi sulle potenzialità del calciatore crescono con il passar dei giorni ma, per via dell’emergenza infortuni, Di Gennaro è titolare contro il Catania nella prima apparizione del Bari nell’anno nuovo. Gioca nuovamente da play basso ma i risultati sono pessimi: nei quarantacinque minuti disputati, il centrocampista commette il fallo da rigore del primo vantaggio etneo, e successivamente regala il secondo vantaggio agli ospiti con un passaggio in orizzontale sciagurato. Inevitabile la sostituzione durante l’intervallo con lo stesso Mignani che a fine partita ammette: “Io lo vedo in una posizione più avanzata piuttosto che davanti alla difesa. Su di lui ci sono delle valutazioni in corso”. Il resto è storia recente con i pochi minuti giocati a Pagani e la rescissione del contratto avvenuta il giorno seguente, segno finale di un amore mai sbocciato e finito, come è giusto che sia, prematuramente.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Enzo
Enzo
2 anni fa

Dispiace per Di Gennaro che sia finita l’avventura a Bari. È stato solo sfortunato in questi 5 mesi di calcio, ma resta un calciatore bravo e principalmente un vero uomo.Il suo passato non va dimenticato e va ringraziato per aver scelto Bari ed il Bari l’estate scorsa.
Gli auguro tanta fortuna!

Articoli correlati

Il vostro giudizio sui calciatori biancorossi scesi in campo contro il Catanzaro per la ventisettesima...
Ottava sconfitta stagionale per la formazione biancorossa...
La gara al Ceravolo è appena terminata: queste le pagelle biancorosse di labaricalcio.it...

Dal Network

“Fare punti è fondamentale per la nostra crescita. Derby? Le motivazioni verranno da sole"...
La squadra di Vivarini ha saputo soffrire ed è riuscita a trovare una clean sheet...
Il centrocampista ha smaltito i problemi influenzali. Disponibile anche Brighenti, che rientra dal turno di...
La Bari Calcio