Resta in contatto

News

Perinetti: “Bari, rosa ampia un fattore ai playoff. In B servirà organico più competitivo”

L’ex direttore sportivo dei galletti analizza la stagione del Bari, le prospettive ai playoff e il mercato del futuro

Re del mercato, in attesa di una nuova sfida professionale, l’ex direttore sportivo del Bari, Giorgio Perinetti, è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport. Al centro del discorso i playoff di Serie C appena iniziati: “Difficile azzardare pronostici, visto l’intreccio delle sfide tra protagonista di tre gironi. Inoltre c’è l’incognita dei tre mesi di stop. Tutte potrebbero diventare rivali temibili quanto imprevedibili”.

In molti danno per favorito il Bari: “Quella di Vivarini è una squadra di spessore e, particolare non da poco, può vantare una rosa ampia. Potrebbero rivelarsi fattori determinanti nell’ambito di partite secche. Unitamente alla preparazione psicofisica. I biancorossi fin dall’inizio della stagione stanno bene e che hanno un solo obiettivo: la promozione. In sostanza sono abituati all’idea”.

I galletti erano i favoriti anche in campionato ma sono arrivati alle spalle della Reggina, Perinetti prova a spiegare il perché: “È emersa qualche lacuna strutturale che, alla lunga, è costata in termini di punti. Forse si è avvertita la mancanza di un difensore rapido. Mentre davanti hanno fatto bene il loro dovere”.

Se i biancorossi dovessero centrare la promozione, sicuramente a De Laurentiis e Scala toccherà fare un gran lavoro sul mercato: “Questo Bari è stato costruito per vincere immediatamente. Non poteva fidarsi a giovani talentuosi, ma essenzialmente a calciatori fatti. Logico che una volta in serie B, andrà fatto qualcosa per rendere più competitivo l’organico. Più di qualcosa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Sandro Mannini sicuramente....al posto di Ingesson certamente Gerson...si perde in impostazione ma si guadagna in solidità difensiva...allenatore..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News