Resta in contatto

News

Costantino, bomber playoff: “Sono match speciali. Vorrei che Bari fosse il mio punto di partenza”

L’attaccante arrivato in prestito dalla Triestina nel mercato di gennaio è uno specialista dei playoff dove ha segnato 7 reti nel corso della sua carriera

La rosa del Bari può contare diversi giocatori di esperienza e di categoria superiore che nel loro curriculum possono vantare anche promozioni conquistate ai playoff, basti pensare a Di Cesare, Frattali e Scavone col Parma, o Laribi con l’Hellas Verona. Tra i calciatori biancorossi, tuttavia, c’è anche chi ai playoff non ha mai vinto pur arrivando a un passo dall’obiettivo ma ha ugualmente lasciato il segno.

Parliamo di Rocco Costantino, attaccante arrivato nel calciomercato di riparazione dalla Triestina, che in carriera ha affrontato i playoff sia in D con la Vis Pesaro (2 presenze, 2 gol), sia in C con Südtirol (4 presenze, 3 reti) e Triestina (4 presenze, 2 gol). Un bottino di 7 reti complessive negli appuntamenti decisivi della stagione, un dato che può sicuramente incoraggiare Vivarini e che potrebbe trovare una preziosa alternativa ad Antenucci e Simeri, sfruttando il feeling con queste gare: “Sono match speciali, mi esaltano. Partite ravvicinate in pochi giorni dove riesco a dare il meglio di me. Adesso cercherò di fare il massimo anche col Bari” – dichiara il centravanti in un’intervista al Corriere dello Sport“Nei playoff respiro aria nuova che mi permette di affrontare queste partite in maniera diversa”.

Due playoff persi in carriera sono un insegnamento prezioso per l’attaccante nato ad Aarau: “Occorre rimanere concentrati fino all’ultimo. Guai a mollare un solo attimo. Bisogna essere sempre lucidi, staccarsi dall’obiettivo e vivere il presente”. I playoff 2019-2020, ad ogni modo, saranno diversi rispetto al passato per l’emergenza covid: meno squadre, partite in gara secca e niente pubblico: “Non ci sono precedenti. Veniamo da tre mesi di inattività, si giocherà senza pubblico, una componente fondamentale perché il pubblico barese dà una grandissima carica”.

Fino ad ora Costantino ha racimolato soltanto 2 presenze da subentrante giocando per un totale di 5 minuti. Si può dire che per i tifosi del Bari sia ancora un oggetto misterioso: “Anche in 5 minuti penso di aver dato tutto me stesso. All’esordio col Francavilla correvo come un pazzo per il campo. Ma adesso mi interessa affrontare i playoff nel miglior modo possibile”.

In prestito dalla Triestina, il futuro del centravanti italo-svizzero è ancora incerto ma l’attaccante non si sente di passaggio nella sua avventura barese: “Assolutamente no. Voglio dire la mia lasciando il segno”. E su come e quanto potrebbe segnare ai playoff non fa calcoli: “Quelli che serviranno per vincere, poi mi va bene tutto. Il modo conta poco, l’importante è che la palla vada dentro. Mi sono guadagnato questo palcoscenico e vorrei fare del Bari il mio punto di partenza”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Sandro Mannini sicuramente....al posto di Ingesson certamente Gerson...si perde in impostazione ma si guadagna in solidità difensiva...allenatore..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News