Resta in contatto

Esclusive

Pink Bari, “Amiamo la città, lotteremo fino all’ultimo per salvarci” (Video)

Le ragazze biancorosse sempre più amate e seguite dal pubblico barese. Non sarà una stagione facile ma non manca determinazione e impegno

L’anno non è cominciato nel migliore dei modi a causa della sconfitta contro la Roma nella prima gara del 2020. Ma il 3-0 rimediato in casa non ha spezzato i sorrisi e la determinazione delle ragazze della Pink Bari, unica squadra del Sud Italia a partecipare al campionato italiano di Serie A Femminile.

Ne abbiamo parlato con quattro rappresentanti della squadra. A cominciare dalla “veterana” Debora Novellino, difensore, da 6 anni con le Pink: “Ce la stiamo mettendo tutta, giorno per giorno. – dice – È un bel gruppo quello di quest’anno”, ancor più alla luce della retrocessione dello scorso anno in una stagione difficile. “Ma Bari ormai è casa mia e indossare questa maglia è molto importante”.

Quest’anno, inoltre, la rosa è stata completata con giocatrici straniere di livello. Come il portiere finlandese Paula Myllyoja, tre volte vincitrice del suo campionato nazionale. “È complessivamente un’esperienza buona per me – ci racconta – È molto bello stare qui a Bari e in questo club”. Così come Aina Torres, centrocampista spagnola che giocando con la Pink ha avuto “la possibilità di tornare ad alti livelli, in una Serie A che sta crescendo, dopo l’infortunio che ho subito lo scorso anno”.

Sorridente e felice della sua esperienza barese anche Sara Ketiš, centrocampista slovacca con all’attivo un campionato nazionale vinto: “Ho scelto Bari perché ho sentito solo cose buone della città e della squadra”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Bisogna coinvolgere sempre più gente a seguire le partite a Bitetto

Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Meglio in panca. Ma non come allenatore che è scarsissimo"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Esclusive