Resta in contatto

Approfondimenti

Castrovilli: il ballerino cresciuto nel Bari si veste d’azzurro

Prima convocazione per il 22enne in forza alla Fiorentina: dai tempi di Cassano non arrivava in nazionale maggiore un calciatore nato nella terra barese.

Non si può definire una sorpresa. La convocazione in nazionale di Gaetano Castrovilli era nell’aria. L’attenzione del ct Roberto Mancini verso i giovani era un presupposto ideale. A comporre il resto, un avvio di campionato scintillante con la Fiorentina della quale è diventato un titolare inamovibile, conquistando tutti a suon di prestazioni convincenti. Logica conseguenza è stata la chiamata in azzurro, per gli impegni contro Bosnia e Armenia in programma il 15 ed il 18 novembre, per completare il girone di qualificazione ad un Europeo che l’Italia ha già prenotato con tre turni d’anticipo. Si completa, così, la piena maturazione di un grande talento. Perché tale era considerato Castrovilli, fin da quando, poco più che bambino, entrò nella grande famiglia del Bari. Compiuta l’intera trafila nel vivaio biancorosso, arrivò ad esordire a soli 18 anni in prima squadra, il 22 maggio 2015, a soli 18 anni, in Spezia-Bari 1-0.

Nato a Canosa, ma cresciuto a Minervino Murge, un figlio della terra barese torna quindi in nazionale maggiore. L’ultimo in grado di riuscire nell’impresa fu Antonio Cassano che con Castrovilli ha qualche punto in comune: la tecnica sopraffina, la visione di gioco periferica, il fatto che i baresi si siano goduti poco il loro talento. Perché Fantantonio giocò due campionati appena nella squadra della sua città, mentre Gaetano ha lasciato i galletti dopo appena 11 presenze nel 2016-17. Per il resto, si tratta di mondi paralleli.

Castrovilli, infatti, magari avrà meno del Genio di Cassano, ma è un campione di regolarità. Come dimostrano le sue prestazioni o come certifica l’abilità di trasformarsi da fantasista a mezzala completa nelle due fasi di gioco. O, ancora, il profilo sempre posato di un ragazzo legato alle sue origini ed alla famiglia che sempre lo ha incoraggiato sobbarcandosi i chilometri da Minervino a Bari pur di fargli inseguire un sogno. E, siccome la vita dei calciatori è ormai di dominio pubblico, è nota la sua abilità nella danza, la passione per il raggaeton ed i balli di gruppo. Il ragazzo che si presentò al provino per il Bari con la maglia di Ronaldinho nel Barcellona è pronto ora davvero a seguire le orme dei campioni. Il ballerino si è vestito d’azzurro: ora salirà sul palco dei top. E c’è da giurarlo: le gambe non gli tremeranno alla prima esibizione.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da Approfondimenti