Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

L’addio amaro di Protti al Livorno: “Mi hanno detto che ero un problema”

L’ex attaccante del Bari spiega la fine del suo rapporto con l’altra squadra cui è storicamente legato e per la quale ricopriva la carica di Club Manager

Amato trasversalmente dalla maggior parte degli appassionati di calcio, Igor Protti ha lasciato i ricordi più belli della sua carriera a Bari e a Livorno. Con i galletti è stato capocannoniere in Serie A, mentre nel club toscano ha vissuto gli inizi e la fine della sua parabola da calciatore professionista.

Il legame con gli amaranto è diventato ancor più stretto nel 2016 quando la società del presidente Spinelli lo ha chiamato per ricoprire la carica di club manager. Un ruolo che Protti ha conservato fino al termine della scorsa stagione, culminata con una salvezza all’ultimo respiro del Livorno. Le strade del club toscano e dell’ex attaccante, poi, si sono bruscamente divise.

A mesi di distanza Protti ha in parte motivato l’interruzione del suo rapporto col Livorno in un’intervista rilasciata a Il Tirreno: È stato un dispiacere per come ci siamo lasciati, ma nella vita tutto ha un inizio e una fine. Nel nostro caso è stato un divorzio deciso in due. Quando mi sono sentito dire che ero un problema, ho capito che ero al capolinea”.

L’amarezza è tangibile nelle parole dello Zar: “Una scelta morale mi obbligava a dire basta e così ho dato il massimo fino al mio ultimo giorno di lavoro e poi ho chiuso. L’aspetto positivo della vicenda è che mi sono reso conto di avere intorno dei finti amici. Io sono così, non si può pretendere di cambiarmi. L’Italia sta diventando il paese delle chiacchiere”.

22 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

22 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia del Bari: deciso il miglior portiere di sempre!

Ultimo commento: "Fantini e Caffaro primi anni 80"

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News