Resta in contatto

News

Bari, Igor Protti incorona Antenucci: “Può essere il trascinatore della squadra”

Una seconda punta veloce e abile nell’uno contro uno, ma anche forte fisicamente. Dal flop in Inghilterra alla ribalta in A con la Spal

Mirco Antenucci, attaccante classe ’84, nato a Termoli, ha vissuto una vita da girovago del pallone. Dal 2002 ha indossato ben 11 maglie differenti, con un’esperienza di due stagioni in Inghilterra sponda Leeds United. In carriera ha collezionato 151 gol, 36 nelle ultime tre stagioni in serie A.

La Gazzetta del Mezzogiorno propone un’intervista a Igor Protti, simbolo intramontabile dell’unione tra tifosi e calciatori. “Sulla carta il Bari è una squadra fortissima. Antenucci sarà protagonista in ogni caso a prescindere da quanto segnerà ha le doti umani, caratteriali e tecniche per essere il trascinatore della squadra”. E aggiunge: “Ogni attaccante ha le sue peculiarità, abbiamo in comune le origini da seconda punta anche se entrambi siamo stati usat spesso come centravanti. E’ un calciatore con tecnica sublime, può diventare l’idolo dei tifosi”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Igor quanto ti vorrei nell’organigramma societario della squadra della nostra città

Advertisement

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Davvero un gran giocatore"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News