Resta in contatto

Approfondimenti

“Troppi sponsor sulla maglia”: qualche tifoso del Bari storce il naso

Dopo la presentazione dell’ultimo sponsor di maglia alcuni tifosi biancorossi hanno espresso le proprie rimostranze sui social network

Calciomercato, nuove divise, nuovi sponsor e campagna abbonamenti. Il Bari è passato attraverso tutti gli step obbligatori che conducono una società di calcio professionistica verso l’inizio di una nuova stagione. L’entusiasmo per la nuova avventura dei biancorossi, sebbene si tratti di un campionato di Serie C, in città si può toccare con mano.

Rispetto all’estate dell’anno scorso quando in pochi giorni si passò dall’affidamento del titolo sportivo all’inizio delle attività agonistiche, la famiglia De Laurentiis e i suoi collaboratori hanno avuto l’opportunità di lavorare con calma e progettualità. E la differenza è stata subito tangibile, sia per quanto riguarda i calciatori acquistati, sia per ciò che concerne gli aspetti logistici e organizzativi.

L’anno scorso, ad esempio, le divise da gioco furono realizzate in fretta e furia, senza poter scegliere il design più adatto per un club dalla tradizione centenaria come il Bari (per progettare, definire e realizzare una nuova maglia sono necessari almeno 4-6 mesi di lavoro ndr), per cui ci si dovette accontentare di quello che aveva da offrire lo sponsor tecnico. Per la stagione che inizierà a breve, invece, il Bari e Robe di Kappa hanno presentato tre divise che hanno riscosso molto successo tra i tifosi. Particolarmente gradito è stato l’omaggio storico riservato al Bari dei Baresi di Enrico Catuzzi, con la terza divisa gialla e nera.

Il club biancorosso in queste settimane, oltre ad aver consolidato il rapporto con due aziende già sponsor nella scorsa stagione come DAZN, Sorgesana e BPPB, ha accolto due nuovi sponsor come Pasta Granoro e Birra Peroni. Tutti questi partner, vecchi e nuovi, sono inevitabilmente finiti sulle maglie biancorosse. Dopo la comparsa dell’ultimo sponsor, più di qualche tifoso – com’è possibile constatare facendo un giro sui social network – ha espresso il suo malcontento per l’eccessiva invasività della pubblicità sulle divise. “Sembra un volantino della spesa” è uno dei commenti più gettonati tra chi sostiene che la maglia sia troppo piena di sponsor.

Ora è comprensibile che tra tifosi e appassionati resista uno zoccolo duro di romantici e nostalgici del calcio che fu, tuttavia, bisogna anche fare i conti con la modernità e con regole non scritte, che se non seguite finiscono per diminuire la competitività rispetto agli altri attori sul mercato. Piaccia o no, il marketing è un aspetto centrale nel modo di fare calcio odierno: ogni anno vengono studiate nuove forme di partnership commerciali, nuovi accordi, nuove sinergie. Il tutto è finalizzato ovviamente a massimizzare gli utili del club, che vengono poi parzialmente reinvestiti per il miglioramento della rosa e delle strutture.

Le maglie piene di sponsor non sono certo un belvedere ma è necessario ricordare che il Bari in questa sessione di mercato (non ancora conclusa) ha già speso una cifra vicina ai 5,5 milioni di euro tra acquisti e prestiti (cifre assolutamente di rilievo per il mercato di Serie C!). Bene poter contare sulla disponibilità patrimoniale della famiglia De Laurentiis, ma è quantomeno utopico pretendere che la proprietà faccia investimenti contando esclusivamente sulle proprie forze. Anzi, in tal senso, come sottolineato dallo stesso presidente Luigi De Laurentiis, da parte del club ci si aspetta una grande risposta da parte del tifo con la sottoscrizione degli abbonamenti.

Sulla sacralità della maglia nel calcio non si può che essere d’accordo, oggi però, Bari ha finalmente una proprietà solida e punta con decisione a tornare nel calcio che conta. Per la città e per i tifosi è tempo di accantonare le polemiche, specialmente quelle sterili, e remare tutti in direzione di un traguardo difficile quanto ambito come la vittoria del campionato.

24 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
24 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E intanto il triangolare solo su Sky. Grande flop

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E chi se ne frega, lo sponsor è linfa per le società di calcio, è diverso se dovessi acquistare una maglia anch’io preferirei una senza sponsor, però va bene così, grande Bari.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non si ha nulla da scrivere e si inventano storielle da 4 soldi… Chiunque mastica calcio sa che gli sponsor portano soldi e più se ne hanno più si sta bene…. Un consiglio a chi scrive queste frottole FASC CALD VATTIN A MAR A PIGGHIA U SOL JE MEGGH

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma possibile mai che non riescono a capire!! Più sponsor e più soldi per le casse del Bari. Non ci vuole la scienza per capirlo!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma magari ce ne fossero altro 10 di sponsor come questi sulla maglia. Significherebbe più soldi per la società !

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ragazzi ma vi rendete conto che per una società trovare partner’s che investono euro al giorno d’oggi è rarissimo? Questa è la maglia della Nazionale italiana di Agility dog, io sono il CT ed assieme alla federazione ho trovato una serie di partner che hanno garantito lo scorso anno tutte le spese dei 30 atleti e dello staff…. Se ci fossero state altre aziende avremmo trovato spazio per mostrarle. Con questo voglio dire che se le aziende investono è perché la società è seria e di conseguenze si possono fare progetti e strategie. Non lamentatevi ed ammirate il nostro presidente… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sono Paparestiani più i soliti gufi nostrani.Lasciateli perdere non fanno testo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Questi pseudo tifosi vogliono vivere nella mediocrità. Non meritano una squadra di caratura alta. Pretendono di avere la botte piena e la moglie ubriaca. Fanno più figura se non parlassero

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Vi meritate Giancaspro & Company …parlate meno …e andate a fare l’abbonamento Strisciati

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Meritate Giancaspro & Company

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non meritate niente.Grande Presidente.⚪️?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

È vero che l’abito non fa il monaco ma le maglie fanno un po schifo si poteva sceglier qualcosa di meglio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sono dislocati male,sorgesana Sta troppo in alto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Più sponsor, più soldi nelle casse societarie.
Chi se ne frega, prima per raccattare due spiccioli abbiamo fatto fare lo sponsor (quando c’era) a cani e porci.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E ci je la maglietta du ciclism

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Infatti,manca solo il volantino del supermercato. ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Eterni insoddisfatti la fasc cott e la vol crud la fasc crud e la vol cott ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma chi se ne frega! (Vogliono la botte piena e la moglie ubriaca) ???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si ma Bibbiano?!?!?!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sempre chi la vuole cotta, chi la vuole cruda…sempre soldi sono…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Siete dei disfattisti solo xche’dare adito a queste notizie…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Abbiamo a Bari tifosi con la “puzza sotto il naso” che gli frega a loro degli troppi sponsor.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si vede che non avete kezzi per la testa.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E chi se frega degli sponsor Forza Bari

Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Signori se potevo mettere una foto io come capoletto non ce la Madonna ma la CURVA NORD u.c.n.x sempre"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Davvero un gran giocatore"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti