Resta in contatto

News

Marolda: “Soddisfatti della prova dei ragazzi. Lavoriamo molto sull’intensità”

Nel post dell’amichevole con il Piné il vice-allenatore di Cornacchini ha commentato la prestazione dei suoi

Il Bari ha battuto in scioltezza i dilettanti del Piné nella seconda uscita amichevole della stagione. Rispetto alla partita con la Fiorentina si è vista una prova più convincente da parte dei galletti e nonostante i carichi di lavoro dopo la prima settimana di ritiro sono arrivati anche i primi goal.

A commentare la prova dei biancorossi al termine del test contro la rappresentativa locale del Piné è intervenuto Tommaso Marolda, vice di mister Cornacchini: “Siamo soddisfati della voglia che hanno mostrato i ragazzi – ha detto -. Stiamo dando continuità alla mole di lavoro di questi giorni. Abbiamo iniziato da poco più di una settimana ma si sono già visti progressi rispetto alla prima uscita. La concorrenza? Un fattore essenziale per disputare un campionato di vertice. Devono esserci tante alternative”.

In sala stampa è stata evidenziata anche la maggiore qualità nella manovra rispetto alla gara con la Fiorentina B. “Stiamo lavorando tanto sul possesso palla. Oggi si sono viste cose importanti, i ragazzi hanno cercato di mettere in pratica tutto quello che abbiamo provato. Forse nel secondo tempo siamo calati un po’ ma va bene così. Con i carichi di lavoro che abbiamo fatto va bene così. Stiamo lavorando molto sull’intensità. Le giocate stanno venendo, credo sia stata una prova positiva”.

Le domande si sono poi concentrate sui singoli. Marolda ha risposto circa l’impiego di Bolzoni nel ruolo di mezz’ala spiegando: “Il suo ruolo originario è quello, può fare anche il vertice basso o giocare a due come abbiamo fatto tante volte l’anno scorso. Sono giocatori che possono fare più ruoli, si cerca di fare cose diverse”. Riguardo alla prestazione di uno straripante Folorunsho, invece, ha detto: “Michael ha margini di miglioramento molto ampi. Fisicamente è fortissimo, di categoria superiore. Naturalmente può crescere tanto perché è molto giovane e può migliorare tecnicamente. Se ci riuscirà diventerà un giocatore importante”.

Soddisfazione anche per il lavoro degli esterni: “Oggi abbiamo giocato contro una squadra di categoria inferiore che si chiudeva nella propria trequarti. In gare così servono gli esterni che attaccano lo spazio come Costa e Corsinelli per arginare l’atteggiamento difensivo degli avversari. Proviamo più soluzioni, anche dal punto di vista dei sistemi di gioco. Per fare campionati importanti bisogna fare questo, sennò si diventa prevedibili. Quando ciò accade diventa più difficile portare a casa il risultato”.

Infine Marolda ha parlato delle prestazioni di Hamlili e Terrani. Sull’italo-marocchino ha detto: “Non si può dare un giudizio negativo su Zaccaria. L’anno scorso col suo lavoro è stato prezioso. A volte manca di lucidità perché spende tanto in corsa e intensità. Può ancora migliorare nel suo ruolo, può fare sia il vertice basso sia la mezz’ala. Qualche errore tecnico ci può stare ma è da mettere in preventivo”. Mentre sull’esterno ex Piacenza ha aggiunto: “A Terrani che gioca a piede invertito piace accentrarsi e calciare ma sa arrivare anche sul fondo come caratteristiche. Oggi forse ha cercato più questo movimento anche per via della condizione fisica, è stato uno dei pochi a rimanere in campo 90′”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News