Resta in contatto

News

La sottile linea rossa

Oggi la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Il calcio italiano è in prima linea

Sul volto dei calciatori. Sulle labbra delle loro compagne. Sensibilizzare con le parole è bene, farlo con i gesti è meglio. Oggi il mondo celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Difficile accettare che ci sia una giornata dedicata a questo tema, eppure è così.

Una donna su tre ha subito violenza in vita sua almeno una volta. I numeri parlano chiaro, come è chiara la voglia del calcio italiano di schierarsi in prima linea in questa battaglia. Tante iniziative lodevoli, anche più di farsi un segno rosso sul volto, ma il potere comunicativo del pallone è enorme e deve essere senz’altro sfruttato.

Sono giorni che vedete i vostri beniamini dipingersi un segno rosso sul volto. Lo faranno anche nel prossimo weekend di Serie A e giocheranno con quel segno ben visibile in viso.

Volti e pallone. In Serie B l’iniziativa è diversa, ma allo stesso modo importante. Si è voluto dare un messaggio di sensibilizzazione attraverso lo strumento principale del gioco del calcio, il pallone, che per l’occasione (la giornata che inizierà domani alle 18:00) muterà la sua versione ufficiale e sarà contraddistinto da loghi rossi, il colore simbolo usato per rappresentare le vittime di violenza e femminicidio.

Serie A e Serie B unite nel lanciare un messaggio forte e chiaro, con la speranza che un giorno non occorra più ideare queste iniziative. Vorrebbe dire aver vinto la partita più importante.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "hai ragione ma è una classifica impossibile da fare ,troppi giocatori forti lasciati fuori . Se ci limitiamo agli ultimi 30 anni potrei essere..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "io ero in curva quando Maiellaro ci deliziava, la sua sfortuna è stata che in Nazionale ci stava prima Giannini e poi Baggio e Vicini due fantasisti..."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da News