Resta in contatto

News

Bari, Paponi: “Sono pronto per giocare. Il mio arrivo? Non ci ho pensato su due volte”

L’attaccante biancorosso si racconta in conferenza stampa

Daniele Paponi, attaccante del Bari, si presenta. Lo fa in conferenza stampa con queste parole:

I GOL – “Spero ne arrivi qualcuno, ma l’importante è che si vincano le partite per arrivare a raggiungere l’obiettivo comune”.

IL GIRONE C – “Questo è il mio quinto anno consecutivo in C. Sono stato a Castellammare e conosco abbastanza bene il girone. E’ un campionato difficile, un campionato nel quale non basta la forza della squadra ma conta la coesione del gruppo. Sono venuto qui a giocarmela, so che ci sono giocatori forti. Me la gioco con serenità, il mio obiettivo è quello di vincere, a prescindere da chi segna”.

TANTI GIOCATORI A SEGNO – “E’ una cosa importante perché non dà peso al singolo giocatore e al singolo reparto, il peso del gol viene suddiviso per tutta la squadra”.

LA CARRIERA E LE CHANCES SPRECATE – “Quando sei giovane e arrivi presto a determinate categorie tante cose non le comprendi. Non comprendi bene quella che è la professionalità da avere e lasci andare tante cose. Quello che mi aspetto? Di vincere il campionato e andare in B con il Bari, poi vedremo”.

L’ARRIVO A BARI – “Polito l’ho sentito l’ultimo giorno di mercato, mi ha detto che stavano facendo uno scambio con il Padova. Mi ha detto di volermi prendere perché mi conosceva bene come persona e perché sapeva cosa potessi dare nello spogliatoio; io, davanti a una piazza così importante, non ci ho pensato su due volte. Avevo voglia di cambiare aria, anche perché a Padova le cose non erano andate benissimo”.

RIPETERE CASTELLAMMARE – “Non sarebbe male, sarebbe una bella cosa. Lì ho vinto il campionato, ho vissuto una bellissima stagione che ricorderò per sempre. Tutto è andato per il verso giusto dall’inizio alla fine”.

PRONTO PER GIOCARE – “Mi sento pronto fisicamente per giocare, mi sto allenando bene. Se saranno 40, 50 o 60 minuti poi si vedrà”.

LE AVVERSARIE – “Le squadre che vengono ad affrontare il Bari giocano con concentrazione, per questo quasi tutti i primi tempi saranno difficili. Poi, i cali degli avversari e i nostri tanti cambi a disposizioni faranno la differenza come è successo domenica contro la Turris. La squadra è forte e ha qualità. Se rimaniamo concentrati per 90 minuti, anche negli ultimi 10 la partita può cambiare”.

COSA PUO’ PORTARE PAPONI – “Posso portare esperienza. Sono un ragazzo che quando viene al campo ancora si diverte e ha entusiasmo. Poi ci saranno momenti diversi: ci sarà il momento in cui io starò meglio di altri e un momento nel quale saranno altri a star meglio di me. Ciò che conta è stare sul pezzo”.

CAMPOBASSO – “Il futuro è Campobasso, sarà una partita difficile contro una squadra reduce da due risultati positivi consecutivi contro avversarie forti. Loro avranno entusiasmo e vorranno fermare la prima in classifica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "hai ragione ma è una classifica impossibile da fare ,troppi giocatori forti lasciati fuori . Se ci limitiamo agli ultimi 30 anni potrei essere..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "io ero in curva quando Maiellaro ci deliziava, la sua sfortuna è stata che in Nazionale ci stava prima Giannini e poi Baggio e Vicini due fantasisti..."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da News