Resta in contatto

Approfondimenti

Bisceglie, con Bucaro l’abito tattico è cambiato: a Bari con il 4-4-2

Dal 3-5-2 dell’era Papagni al più spregiudicato 4-4-2 della seconda gestione Bucaro: tutte le novità tattiche in casa nerazzurra a 48 ore dalla sfida con il Bari

Un 4-4-2 che in fase di possesso si trasforma spesso in uno spregiudicato 4-2-3-1, con i due esterni di centrocampo (Mansour e Pedrini) schierati a supporto del duetto offensivo per dare più pericolosità alla manovra di gioco della squadra. Il Bisceglie si appresta a scendere in campo così al “San Nicola” per vivere l’ultimo appuntamento della sua regular season. Un appuntamento di prestigio, al cospetto del Bari di Auteri, da affrontare con lo spirito di chi sa di avere un solo risultato a sua disposizione (per agganciare la terz’ultima posizione e avere due risultati su tre dalla propria ai playout contro la Paganese).

Nessun assetto tattico difensivista, dunque, nonostante l’avversario di qualità. Due uomini a centrocampo – che in questo caso dovrebbero essere Romizi Ferrante – chiamati a far legna, due terzini con caratteristiche opposte (Giron più dedito a scorrazzare nella metà campo avversaria, Tazza più propenso a tenere la posizione) e due interpreti offensivi pronti a completarsi: Sartore venendo incontro in una continua azione di raccordo tra la fascia mediana del campo e l’attacco e Rocco dando profondità con la sua rapidità. Con tanti centimetri (tra Makota Cecconi) da inserire a partita in corso dalla panchina. Differenze notevoli rispetto al 3-5-2 più abbottonato che aveva contraddistinto l’epoca Papagni. 

Insomma, le armi per far male a una difesa non propriamente brillante come quella attuale biancorossa ci sono tutte. A Di Cesare e compagni il compito di prestare il massimo dell’attenzione possibile.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 giorni fa

I 3 punti non ve li toglie nessuno venite venite sono per voi

Advertisement

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Davvero un gran giocatore"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti