Resta in contatto

News

Bari, Ippedico: “Massima stima per Auteri, ci manca molto. C’è voglia di ripartire subito”

Il segretario generale è intervenuto in radio per una chiacchierata sull’attualità biancorossa

Dopo le conferenze di Romairone e Auteri, la SSC Bari continua a far sentire la propria voce, questa volta attraverso il Segretario generale Antonello Ippedico, intervenuto ai microfoni di RadioBari per un’analisi a tutto tondo sul momento biancorosso. Ippedico ha iniziato commentando proprio le parole di Auteri che si è assunto le responsabilità della sconfitta con la Ternana: “Il mister è stato molto onesto e schietto assumendosi le responsabilità. Da parte nostra c’è la massima stima prima verso la persona poi per il tecnico. Voglio rimarcare che noi come area tecnica ci siamo riproposti di prendere spunto dalle cose che non sono andate bene. Dobbiamo cercare di contestualizzare questa gara, e ripartire. Ogni gara dà spunti di riflessione. Il campionato è ancora in gioco, è lungo, dobbiamo cambiare marcia”.

Dopo il k.o. con le Fere da parte della truppa biancorossa c’è grande voglia di ripartire: “Per quello che ho potuto vedere i ragazzi hanno parlato si sono confrontati analizzando la gara. Il gruppo è concentrato e voglioso di riprendere il cammino andando sul campo con la giusta forza e la giusta intensità. Abbiamo a che fare con un gruppo maturo, bastano poche parole. Bisogna concentrarsi su ciò che è accaduto e ripartire. Dobbiamo farlo con un altro tipo di intensità e di atteggiamento, in Lega Pro nessuna partita è facile o scontata”. Le buone notizie arrivano anche dall’infermeria, visto che ormai Andreoni è disponibile mentre Minelli tornerà a breve: “Andreoni è in gruppo già dalla scorsa settimana, mentre Minelli è risultato negativo ora però deve rispettare il protocollo FIGC prima di rientrare in gruppo, sostenendo altri esami. Tornerà in gruppo per la prossima settimana”.

Come previsto il campionato di Serie C si sta dimostrando ancora una volta molto ostico: “Ogni campionato di Lega Pro ha la sua storia, ricordo che qualche anno fa la Juve Stabia aveva un consistente vantaggio sul Trapani e poi fu beffata. Ogni campionato ha una storia a sé, ogni anno è difficile, si sapeva, ci sono tante squadre dal grande blasone. Dobbiamo pensare a noi stessi, recuperare le forze all’interno del nostro gruppo e cercare di fare il massimo partita dopo partita. Ternana e Teramo sono forti ma alla nostra portata. Da noi ci sono calciatori che hanno dato tanto lo scorso anno e anche quest’anno. Chiunque ha sposato la nostra causa è venuto qui con l’idea di fare qualcosa di importante, non farei distinzioni tra vecchi e nuovi. Tutti hanno voglia di dare un contributo importante. Le aspettative sono alte, questo rende le cose più difficili rispetto ad altre piazze ma i nostri calciatori sono accomunati tutti dallo stesso pensiero e lavorano ogni giorno per far bene. Il pubblico? Tante volte è stato il nostro dodicesimo uomo in campo. Anche il presidente della Ternana ha ribadito che col pubblico sarebbe potuta finire diversamente”.

L’assenza di Auteri in questo momento costituisce un problema: “Il mister è una persona molto carismatica e profonda. Ama il suo lavoro. Manca a tutti, al gruppo, allo staff, per una società avere questa problematica non è una cosa di secondo piano ma ognuno di noi sta lavorando di più per sopperire a questa assenza temporanea”.

La rincorsa alla Ternana non è da considerarsi conclusa poiché il campionato è ancora lungo: “La Ternana sta venendo fuori dopo un avvio stentato, tutti hanno avuto una fase di assemblaggio. Sicuramente è un campionato che vede in gioco tante squadre, non dimenticherei Palermo e Avellino che potrebbero venir fuori con tante partite ancora da recuperare e altre da disputare. Non credo che la Ternana possa avere il terreno spianato, pensiamo a noi e a fare il massimo”.

In finale una battuta sull’obiezione sollevata da molti tifosi biancorossi che lamentano la totale mancanza di baresità in squadra: “Io sono a favore dei baresi, vivo la società da 18 anni, però non mi piace quando si parla di baresità quando si gioca con la Ternana e Partipilo fa gol. Lui è un giocatore importante per loro, ma la baresità è un valore a prescindere, bisogna contestualizzarla, non di certo parlarne dopo aver perso la partita con la Ternana”.

 

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "tutti giocatori di don Vincenzo!"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News