Resta in contatto

News

Il Bari di Romairone: fatto per la Serie C ma quanti innesti dai cadetti

Il direttore sportivo dichiarò da subito di volere una squadra più centrata sulla categoria. Così è stato ma sono arrivati profili di spessore dalla B

Dopo la finale playoff persa a Reggio Emilia, la dirigenza del Bari ha deciso di voltare pagina a livello tecnico sostituendo direttore sportivo e allenatore. Al posto di Scala e Vivarini sono stati ingaggiati Romairone e Auteri e così è iniziato una sorta di new deal biancorosso. Il Bari ’19-’20, inizialmente ritenuto favorito per la B diretta poi conquistata dalla Reggina, è stato praticamente smantellato. Via tutti gli elementi non funzionali al progetto o poco motivati, perché come disse Romairone presentandosi “serve una squadra centrata sulla categoria”.

Una frase atta a mettere in chiaro da subito i propositi per quest’anno: al Bari serve gente che abbia fame, la voglia di emergere tipica delle categorie inferiori, aspetto che non sempre (a voler essere buoni) si è visto nel travagliato campionato dello scorso anno. E allora ecco arrivare in biancorosso ben otto acquisti dalla Serie B: i quattro attaccanti Citro (Frosinone), Candellone (Pordenone), Marras (Livorno) e Montalto (Cremonese), i tre esterni Andreoni (Ascoli), D’Orazio (Cosenza) e Semenzato (Pordenone), e il centrocampista Lollo (Venezia).

Soppesando le carriere degli elementi giunti alla corte di Auteri, il minimo comune denominatore è quello di profili che hanno giù un background discretamente importante ma a cui manca ancora lo step per la definitiva consacrazione. Romairone è certo di aver portato in biancorosso calciatori che vedono nel Bari il volano ideale per il raggiungimento di obiettivi importanti e che in caso di promozione potrebbero costituire un’ottima ossatura su cui costruire una squadra ancora più forte. Ora la palla passa a loro, che insieme ai ‘vecchi’ dovranno caricarsi il peso delle ambizioni della proprietà e dell’intera tifoseria.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "come non ricordare Magnanini Kappa Rebizzi Seghedoni Conti Erba Cicogna Catalano"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News