Resta in contatto

Approfondimenti

Bari, la B è imprescindibile per il progetto finanziario

La Lega Pro non assicura ricavi su troppi asset: i biancorossi sono sostenuti da numerosi partner, ma per mantenere tali rapporti è cruciale il salto di categoria.

Stadi chiusi, diritti televisivi insufficienti, costi altissimi. Gli ultimi studi sulla serie C dipingono una realtà sempre più in difficoltà. Il mecenatismo è ormai l’unico fattore a sostenere le compagini di un torneo nel quale la precarietà non è più un mistero, come dimostra la recente esclusione del Trapani dal girone C. Pur sostenuto da una proprietà solida ed ambiziosa come la famiglia De Laurentiis, anche il Bari vede le sue prospettive attuali di crescita limitate da un contesto troppo più piccolo rispetto alle potenzialità di una delle principali realtà del Sud Italia. L’attuale chiusura degli stadi azzera comunque un’ingente fonte di reddito per il club biancorosso che lo scorso anno è stato il club più seguito dal vivo tra i 60 della C, secondo solo alla Ternana che, però, applicò una politica di abbonamenti a prezzi popolari.

Quasi nulla pure la voce sui diritti televisivi, al momento suddivisi tra Rai Sport (titolare dei posticipi del lunedì) ed il tormentato rapporto con Eleven Sports. Rispetto alla gran parte dei club di C, il Bari vanta partnership di lusso: da Radiobari alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata, da Sorgesana a Peroni, fino a Primiceri. Realtà che, però, vedono inevitabilmente la loro esposizione ridotta da un torneo con poca risonanza mediatica. La voce dei costi, invece, tiene conto delle spese pesanti legate ai protocolli anti coronavirus, della manutenzione ordinaria dello stadio San Nicola, ma soprattutto di un monte ingaggi tra i più alti della categoria. Basti pensare che Mirco Antenucci percepisce quasi un milione lordo ed è il calciatore più pagato dell’intera serie C. Il progetto dei De Laurentiis non rischia in ogni caso di andare in sofferenza. Ma per decollare non può essere confinato in una categoria “stretta” sotto troppi aspetti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "come non ricordare Magnanini Kappa Rebizzi Seghedoni Conti Erba Cicogna Catalano"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti