Resta in contatto

Pagelle

Bari, il pagellone finale della stagione 2019-20: i centrali

Ottima la crescita dei difensori centrali che, supportati da un centrocampo fisico, sono andati in difficoltà solo con attaccanti rapidi

Valerio Di Cesare 6,5: Il capitano, figura carismatica nello spogliatoio e autore di una stagione quasi senza sbavature. L’unico limite sta nella sua età. A 37 anni non si può pretendere freschezza fisica e reattività come a vent’anni e per questo le uniche occasioni in cui è andato in difficoltà sono state quelle in cui ha trovato di fronte avversari rapidi e veloci. Ha però sempre giganteggiato nel gioco aereo nella propria area ma anche in quella avversaria arrivando a siglare tre gol in ventinove partite tra campionato, coppa Italia e playoff. Il suo contributo in stagione è stato fondamentale perché ha sempre dato ordine alla difesa, guidandola e dettando schemi e tempi di gioco. Ci sarà anche l’anno prossimo, forse con meno minutaggio ma con certa presenza e forza d’animo.

Presenze 29 (25 serie C, 1 Coppa Italia serie C, 3 playoff), gol 3.

Alessio Sabbione 6: All’inizio di campionato stentato ha fatto da contraltare la sua indubbia crescita e sicurezza mese dopo mese. È sempre stato lui il titolare designato al fianco del capitano Di Cesare e con lui ha costruito lo scheletro della fase difensiva biancorossa. Ha alternato prestazioni di alto livello ad altre colme di errori e amnesie. È sicuramente un giocatore di categoria ma in assenza di punti di riferimento più carismatici è andato quasi sempre in difficoltà. La sua prestanza fisica gli ha permesso di giocare in maniera eccellente sulle palle alte (anche in fase offensiva dove ha trovato ben quattro amrcature) e nel gioco corpo a corpo ma anche lui, come i suoi compagni ha dovuto spesso alzare bandiera bianca quando il gioco avversario si sviluppava in velocità e profondità. Tutto sommato una buona stagione quella in biancorosso con uno sviluppo tecnico notevole.

Presenze 35 (30 serie C, 2 Coppa Italia serie C, 3 playoff), gol 4.

Marco Perrotta 6: Buona anche la prestazione del giocatore ex Pescara. Anche lui quasi sempre titolare quest’anno grazie alla sua duttilità come difensore centrale e come terzino sinistro, Vivarini si è affidato tanto a lui durante la stagione offrendogli la possibilità di avere un terzino meno di spinta e più di copertura in quelle partite dove l’avversario poteva contare su ali molto pericolose. Meglio sulla fascia però dove potendo giocare bloccato e con il punto di riferimento dell’avversario diretto sulla sua corsia si è potuto gestire meglio calcolando altrettanto meglio i tempi di intervento. Da centrale anche lui ha pagato la sua fisicità a scapito della rapidità e la mancanza di carisma, elemento che, come Sabbione, viene compensato quando al suo fianco si trova un giocatore più esperto e smaliziato come il capitano dei galletti.

Presenze 31 (28 serie C, 1 Coppa Italia serie C, 2 playoff), gol 2.

Pierluigi Pinto S.v.: Non ha mai giocato, nemmeno un minuto in campo. Arrivato a Bari per essere il rimpiazzo di un centrale in caso di assoluta emergenza, così è stato. Il Bari, fortunatamente, è stato sempre coperto in difesa, così Pinto non ha mai avuto una chance di calcare il campo con la maglia biancorossa.

Presenze 0, gol 0.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

A che servono le pagelle, a stabilire il più bravo perdente???????

Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Sandro Mannini sicuramente....al posto di Ingesson certamente Gerson...si perde in impostazione ma si guadagna in solidità difensiva...allenatore..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Pagelle