Resta in contatto

News

Boccia: “Bisceglie-Bari partita inimmaginabile fino a qualche tempo fa”

Il Ministro degli Affari regionali, biscegliese ed ex calciatore dei neroazzurrostellati, ha parlato del derby di domenica 10 novembre

Il derby tra Bisceglie e Bari in programma domenica al Ventura di Bisceglie è una sfida totalmente inedita in confronti ufficiali tra le due squadre. Una partita impensabile fino a qualche tempo fa, quando i due club militavano in categorie diverse. Poi il fallimento dei galletti ha costretto il club a ripartire dalla D e ora entrambe le compagini pugliesi si ritrovano nello stesso girone in Serie C.

Tra i tanti appassionati che seguiranno il derby tra nerazzurrostellati e biancorossi, ci sarà anche il Ministro degli Affari regionali Francesco Boccia, originario di Bisceglie e con un passato da attaccante nelle giovanili del club che lo portò fino alla prima squadra, prima di interrompere la carriera per dedicarsi agli studi universitari.

Intervistato da Il Corriere del Mezzogiorno, Boccia – che non potrà seguire di persona la sfida per impegni istituzionali – ha dichiarato: “Era una partita inimmaginabile sia per il Bisceglie che per il Bari. Le rispettive storie li hanno portati qui. A livello di vivai però non è un inedito, io stesso sono stato protagonista di alcune sfide contro il Bari giovanile. Era senz’altro più forte di noi, godeva di una selezione più ampia di ragazzi ma ogni tanto vincevamo”. Tra i suoi idoli calcistici, Boccia da juventino cita Michel Platini, ma per quanto riguarda i pugliesi ricorda: “Impazzivo per Maiellaro, ho avuto un debole per Cassano anche se è stato poco in biancorosso. A Bisceglie invece apprezzavo soprattutto Ferrante e Cascella”.

Il Ministro non potrà essere allo stadio ma si augura sia una domenica di festa e sport, e ha già le idee chiare su chi tiferà: “A Bisceglie i baresi sono considerati quasi dei cugini. Mi auguro sia lo stesso anche per i baresi. Auguro ai biancorossi di tornare in A, al Bisceglie di restare a lungo nel calcio che conta. La nostra è una società storica, un’isola felice del pallone, diversa dai luoghi di guerriglia spesso tipici di molte realtà. Per chi farò il tifo? Tifo la Juventus, voglio il Bari in A ma per me la maglia del Bisceglie viene prima di tutto, è come una seconda pelle”.

Credits foto: Facebook Francesco Boccia

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News