Resta in contatto

Rubriche

Bari, Top & Flop

Ecco chi sale e chi scende tra i biancorossi dopo la 13esima giornata.

I Top

Giovanni Terrani: Finalmente, verrebbe da dire. Contro la Vibonese ha dato un saggio delle sue qualità. E non solo per il prezioso gol valso il pareggio nel match con i calabresi, improvvisamente divenuto in salita. Corre, accelera, sgomma, calcia. Questo è il Terrani che serve al Bari. E se è così, non c’è ruolo che lo possa fermare.

Mirco Antenucci: Non è così sparuto il partito di chi sostiene che possa dare di più. Eppure, i numeri parlano chiaro: 7 gol in 13 giornate. Un bottino che lo proietterebbe a circa 20 reti finali. Davanti all’evidenza, si può soltanto apprezzare. E sperare che continui così. Gli basta mezza palla per segnare. Un’arma letale.

Francesco Corsinelli: Viene sempre chiamato in causa a gara in corso. Eppure, risponde puntualmente presente. Il soldato che entra in battaglia con la testa giusta, con attenzione e applicazione. Contro la Vibonese, però, va oltre il semplice compitino. Nella difficoltà spinge per la riscossa. Ed il suo apporto fatto di corsa e iniziative si sente.

 

I Flop

Valerio Di Cesare: Per una volta, affonda il capitano e per poco non trascina con sé pure la nave. Su entrambe le reti della Vibonese ha colpe evidenti. Anticipato sulla prima, bruciato in velocità sulla seconda. Tecnica ed eleganza restano di categoria superiore. Ma in C bisogna pure marcare con l’opportuna cattiveria.

Roberto Floriano: Dispiace condannarlo per una porzione di gara. Ma il 32enne esterno proprio sembra un pesce fuor d’acqua in questo Bari. Fuori giri, fuori posizione. Gli mancano i guizzi, le idee, i colpi che lo scorso anno sgorgavano naturali. In vista del mercato invernale, attualmente sembra il più vicino all’addio.

Alessio Sabbione: Resta il marcatore più rapido ed aggressivo del Bari. Quello che spesso sa barcamenarsi nelle situazioni più diverse. Però, è anche incline ad errori grossolani. Amnesie che spesso portano a pagare dazio. In collaborazione con Di Cesare, spalanca la via al raddoppio della Vibonese, complicando un match alla portata.

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Flop il DS Scala

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Il Bari ha un vero flop che nessuno ha il coraggio di nominare forse perché avete paura della società non penso che a Bari non ci sia uno che capisca di calcio.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

SALE E SCENDE LA PAZIENZA DEI TIFOSI…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Quasi tutti flop, specie con la Vibonese

Advertisement

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rubriche