Resta in contatto

News

De Laurentiis: “Mercato di livello ma arriveranno altri giocatori. Brienza…”

Luigi-De-Laurentiis

Le parole dell’amministratore unico nella conferenza di presentazione del ritiro precampionato

Si è tenuta a mezzogiorno, nella sala stampa del centro sportivo di Bedollo, la prima conferenza stampa della stagione della SSC Bari. Presenti l’amministratore unico Luigi De Laurentiis, il club manager Matteo Scala e i rappresentanti dei comuni di Bedollo, Baselga di Pinè e della Val di Cembra, che hanno contribuito all’organizzazione del ritiro precampionato.

Oggi comincia un nuovo corso, un anno molto ambizioso – le prime parole di De Laurentiis – Aprire un nuovo corso mi dà grande entusiasmo e tanta voglia di fare. L’anno scorso è stato un anno di start-up totale, siamo partiti di corsa mentre adesso abbiamo tutto il tempo per organizzarci al meglio. Non vi nascondo che c’è grande emozione, non vedevo l’ora di entrare al campo e assistere al primo allenamento. Questo è il primo ritiro per la nostra società. Sono contento di essere in Trentino, che è una regione che conosco molto bene. Sono anni che lavoriamo con loro. Siamo stati accolti alla grande. Questa è una regione che investe nel modo giusto le proprie risorse per attrarre turismo. Bari è un’eccellenza del sud, qui siamo in un’eccellenza del nord. È bello poter avere il nord ed il sud che si ospitano a vicenda e che uniscono le forze”.

Come da tradizione le attenzioni dei tifosi nel corso dell’estate sono rivolte al calciomercato e alle trattative per rinforzare la squadra. “Abbiamo dei piani molto seri, lo conferma il mercato che stiamo facendo – rassicura – Bari è una città che merita tanto, siamo molto ambiziosi. L’arrivo di Mirco Antenucci ne è la conferma. Lui è un giocatore di Serie A che ha sposato questa causa, capendo l’importanza di una piazza come Bari, che è la sesta città d’Italia, ha un bacino d’utenza enorme, dei tifosi caldissimi che si aspettano tanto, uno stadio entusiasmante. Oltre ad Antenucci vorrei aggiungere anche l’arrivo di Costa, Folorunsho, Scavone, Frattali, Kupisz e Terrani. Questi nomi parlano da soli. Sono tutti giocatori che vengono da categorie più importanti. Giocatori di valore per costruire una rosa per difendersi da un campionato pieno di insidie. Ma il mercato non finisce qua. Arriveranno altri giocatori, soprattutto in difesa. Non posso preannunciarvi altro”.

Non c’è solo il mercato a tenere in fibrillazione la piazza ma anche la mancata rinnovo di contratto a capitan Brienza. Le possibilità che il 40enne fantasista di Cantù possa vestire nuovamente la casacca biancorossa sembra siano ridotte al lumicino. “Rispetto tantissimo Brienza. E’ una grande bandiera del Bari e lo sarà per sempre. Noi gli abbiamo proposto un ruolo da responsabile delle giovanili, quindi rappresentarci in maniera importante. Ha preso una pausa di riflessione anche perché è arrivato a 40 anni e a quest’età per un giocatore si aprono tantissimi pensieri e non è facile ricollocarsi. Se dovesse decidere di continuare a far parte di questa società lo riaccoglieremo a braccia aperte”.

E proprio i tifosi saranno destinatari a breve di tutta una serie di nuove iniziative: “Mi aspetto di avere ancora più affluenza nel prossimo campionato. Stiamo lavorando sulla campagna abbonamenti, che sicuramente premierà chi è stato abbonato l’anno scorso. Lo scorso anno abbiamo fatto numeri da record. Ma quando siamo stati promossi ho sentito che è ulteriormente aumentato il calore dei tifosi in città. Anche coloro che verranno per la prima volta avranno tantissime offerte. Vi comunicheremo tutto più avanti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "hai ragione ma è una classifica impossibile da fare ,troppi giocatori forti lasciati fuori . Se ci limitiamo agli ultimi 30 anni potrei essere..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "io ero in curva quando Maiellaro ci deliziava, la sua sfortuna è stata che in Nazionale ci stava prima Giannini e poi Baggio e Vicini due fantasisti..."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da News