La Bari Calcio
Sito appartenente al Network

Bari, sofferenza senza fine

A Palermo è giunto il secondo ko consecutivo per i biancorossi: la situazione è davvero critica

Una nuova mazzata, la seconda in poco più di ventiquattro ore per i tifosi del Bari, costretti ad assistere a una nuova debacle dopo quella contro la Reggiana e un mercato concluso senza botti. Certo, una sconfitta era preventivabile a Palermo: tanta, troppa la differenza tecnica tra le due compagini. E pensare che i rosanero hanno tenuto in panchina gente come Mancuso e l’ex Henderson, schierando Soleri e Di Mariano soltanto per uno spezzone di gara. Tutta gente che sarebbe titolarissima nel Bari attuale, povero di idee e incapace di reagire.

I soliti errori individuali hanno condannato la formazione biancorossa: ma gettare la croce addosso a Edjouma per il disimpegno errato dell’1-0 o a Dorval per la marcatura di Ceccaroni sarebbe inutile. E’ l’intera organizzazione a non funzionare: ci si dovrebbe chiedere perché ancora una volta (era già accaduto a Lecco) si sia trovato l’esterno a dover fronteggiare in area un avversario decisamente più strutturato. Misteri.

Così come misteriose sono anche altre scelte del tecnico Marino, sull’orlo dell’esonero: male, malissimo a Palermo e con la Reggiana. Tornerà Mignani? Arriverà un nuovo allenatore? La sensazione è che ormai, soprattutto a mercato chiuso, non possa cambiare moltissimo. Ai proclami (“aggrediremo il mercato” e “obiettivi centrati”) sono seguiti fatti totalmente contrastanti, in sede amministrativa e sul campo. E ora la situazione è grave: tre mesi di passione, con la speranza di tenersi stretta la serie B. Chi l’avrebbe mai detto?

Subscribe
Notificami
guest

25 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Enzo
Enzo
19 giorni fa

….e se i De Laurentis vendessero solo il Napoli, tutto quello che si dice e si scrive… non servirebbe a nulla. Secondo voi è solo utopia? I proprietari non possono aspettare l’anno 2028 per una decisione finale. Questi Signori ci stanno già pensando subito. Gli interessi economici sono tanti….Vedremo presto quello che succederà. L’importante, adesso, è aiutare la squadra a riprendersi immediatamente. L’invito cari tifosi :
calma e tanta pazienza.
Forza Bari🤍❤

Commento da Facebook
Commento da Facebook
19 giorni fa

Certe volte a pensare a male ci si azzecca e fino adesso sono stato sempre positivo per il Bari, ma si stanno cercando nuovi allenatori che non dicono niente di buono, ma fusse che fusse che i DL e il DS ed altri che stanno, forse, per lasciare il Bari, non si vogliono vendicare dei tifosi baresi rimandando il Bari da dove l’hanno preso e cioè in serie C ?!?!? Tanto i DL qualcosa con il Bari ci hanno guadagnato e per loro perdere qualche spicciolo non è un disastro svendendo la società. Qualcuno potrebbe, ironicamente rispondere, basterebbe lasciare Marino per raggiungere la C, ma forse vogliono essere più sicuri, lasciando il Bari in mano a gente che di retrocessioni ne sanno qualcosa vedi Cannavaro. Mah! CIAO!🤔

Ferdinando
Ferdinando
18 giorni fa

Come quello che per fare un dispetto alla moglie si tagliò’ i co…ni 😄😄😄

Commento da Facebook
Commento da Facebook
20 giorni fa

Con i De Laurentiis si finisce in C

Sergiodoc
Sergiodoc
19 giorni fa

Il pericolo numero uno sono i TIFONI!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
20 giorni fa

Ogni volta che gioca il Bari mi vengono diarrea, attacchi di panico e il covid.
Basta, che finisca sta stagione o non ne esco vivo

Sergiodoc
Sergiodoc
19 giorni fa

Devi cambiare club. Lascia quello dei tifoni ed entra in quello dei tifosi. Vedrai, starai meglio!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
20 giorni fa

Sta finendo questa sofferenza ora viene Cannavaro al posto di Marino e ci manda in serie C come ha fatto con il Benevento

Gino
Gino
20 giorni fa

Sergio dove sei?

Sergiodoc
Sergiodoc
20 giorni fa
Reply to  Gino

Sto qua. Tranquillo. Io non sono un coniglio come voi. Il Bari è nel mio cuore. Nella buona e nella cattiva sorte. Senore’mm

Marco
Marco
20 giorni fa
Reply to  Sergiodoc

perché noi non abbiamo il Bari nel cuore? Solo che a differenza tua siamo più realisti, mentre tu vivi nel tuo mondo dei cartoni animati in cui vede un grande Bari gestito da un grandissimo presidente. Poi non sei coniglio??? Strano, quante volte ti ho detto di farti vedere per ripetermi le offese che mi scrivi e non ti sei mai degnato di rispondere, tu si nu lecces!

Sergiodoc
Sergiodoc
19 giorni fa
Reply to  Marco

Reggiana 29 punti ed e’ al decimo posto. Il Bari 27 punti ed e’ dalla prima giornata che lotta per la C, secondo i tifoni!

Marco
Marco
18 giorni fa
Reply to  Sergiodoc

ci sono i tifoni e ci sono i trimoni, tu sei l’emblema della trimonaggine. Se il trimone avesse un volto porterebbe quello tuo, quindi rappresenti il trimone a tutti gli effetti. Anzi, tu si nu tr’mon c la T d Tabacchin

Commento da Facebook
Commento da Facebook
20 giorni fa

come si fa’ dopo 2 sconfitte consecutive giocatori contro l’allenatore gli danno 2 giorni di riposo io li manderei i giocatori a zappare.Devono mandare via l’ allenatore si sta mettendo contro parecchi giocatori.Vergogna!!⬜🟥

1908
1908
20 giorni fa

Resto convinto di un un’idea.
La situazione l’anno scorso gli è semplicemente sfuggita di mano perché la squadra è andata ben aldilà delle loro previsioni, aldilà di una reale programmazione.
Don Aurelio quella maledetta notte era al S.Nicola non per tifare ma per gufare, infatti tutte le (poche) volte che è venuto il Bari se non ricordo male non ha mai vinto.
E mentre tutta la città era in lacrime lui e il figlio tiravano un sospiro di sollievo per il pericolo scampato ripromettendosi che non avrebbero più rischiato di correrne un altro l’anno seguente.
Infatti squadra completamente smantellata, e via con un accozzaglia di prestiti, scarti e retroCESSI raccattati qua e la elemosinandoli dal Prestito Compass di turno.
Ora siccome non c’è limite al peggio, potrebbe anche essere che la situazione gi sia nuovamente sfuggita di mano ma stavolta al contrario, perché quando si esagera giocando col fuoco, il rischio di rimanere scottati è altissimo.
Non avendo la bacchetta magica non so come andrà a finire la stagione, dico solo che evidentemente il precedente del Benevento passato dai playoff alla retrocessione nel giro di un anno dovrebbe allarmare tutti, perché ad un ritorno in C non ci voglio credere e mi devasta solo a pensarlo.

Ferdinando
Ferdinando
20 giorni fa
Reply to  1908

Per me i tuoi sono “film mentali”. Il colpo Don Aurelio l ‘ avrebbe fatto se fosse andato in serie A, poiché avrebbe venduto riportando una plusvalenza importante. Non credo che la cessione, anche ad un prezzo medio basso, non sia presa in considerazione per una serie di motivi: esiste il problema della multiproprietà, il rapporto con la tifoseria è ai minimi termini, la serie B è un campionato difficile. Come tu hai detto, a Benevento hanno investito per andare in serie A ma sono finiti in serie c, con danni morali per i tifosi e materiali per i proprietari. Ci sono acquirenti seri? Il dubbio, ricordando quanto accaduto in passato, è lecito.

1908
1908
20 giorni fa
Reply to  Ferdinando

Nessun film caro amico, Bari è come il vitello grasso, una vacca da mungere per bene e poi una volta spremuta la si può mollare.
Quando hai il coltello puntato alla gola lo sai bene che non decidi un fico secco, a maggior ragione se sei costretto a vendere un bene, il prezzo tu lo puoi proporre ma alla fine lo decide chi compra non chi vende.
Ma secondo la tua logica ci si rivolge agli avvocati mettendosi contro la federazione sbattendo i pugni per ottenere una proroga per la vendita se veramente uno ha quell’intenzione.
Sveglia che a Bari di gente che dorme e vive su Marte ce n’è troppa purtroppo, ed è proprio questa una delle cause per cui qui tutti hanno fatto di tutto!

Ferdinando
Ferdinando
20 giorni fa
Reply to  1908

Non c è dubbio che essere costretti a vendere da una norma giuridica avvantaggia l acquirente. Ma proprio per l inesorabile trascorrere del tempo, la società deve prendere una decisione: vendere in serie B al prezzo x o cercare di andare in serie A, dopo aver individuato un acquirente che la paga x più y. Terze vie non mi sembrano credibili. Ricordiamoci la fine dell’ era Matarrese con i proprietari che sostenevano che non c erano acquirenti e i tifosi che non c era volontà di vendere. L allora sindaco Emiliano sosteneva che imprenditori illuminati avrebbero fatto grandi cose al posto dei Matarrese. La storia ha dato ragione ai vecchi proprietari almeno finora. E’ stata solo sfortuna? E’ come dicevano i Matarrese che è un business perdente? C è una sorte di maledizione sul Bari calcio?

Sergiodoc
Sergiodoc
19 giorni fa
Reply to  1908

Non sapevo che se decidessi di vendere la mia casa il prezzo lo fa il compratore. Cose da matti!!!!

ferdinando
ferdinando
19 giorni fa
Reply to  Sergiodoc

L amico probabilmente si riferisce al caso Salernitana. Secondo Lotito, gli fu “scippata” per le norme sulla multiproprietà. Poco credo perché Lotito, come De Laurentis, tutto è tranne che uno sprovveduto. Gli unici realmente trasparenti sono i tifosi, che non hanno interessi economici in palio

1908
1908
20 giorni fa
Reply to  Ferdinando

Poi perdonami ma lo smantellamento pressoché totale della squadra arrivata a due minuti dalla A è la prova inconfutabile di quanto affermo.
Quale persona sana di mente farebbe una cosa del genere se non perché in evidente malafede?
Saluti

Heather
Heather
20 giorni fa
Reply to  1908

GIUSTISSIMO, PRENDERE ESEMPIO DAL LECCE

Ferdinando
Ferdinando
20 giorni fa
Reply to  1908

Esprimo la mia opinione senza voglia di polemizzare. A Parma da anni investono fior di soldi con l obiettivo di andare in serie A. A Bari lo scorso anno erano ad un passo dal raggiungere un obiettivo assolutamente non programmato. Persa rocambolescamente la finale, i proprietari, secondo la tua idea, festeggiano per non aver raggiunto un traguardo tutt’altro che semplice da centrare, anche se ti chiami Silvio Berlusconi e sei disposto a mettere sul piatto un budget fuori da ogni logica economica. In A può andare chiunque, Bari compreso. Proprio polii i De Laurentiis se non sanno già come comportarsi nella remota ipotesi in cui un traguardo così prestigioso dovesse essere raggiunto. Buon fine settimana

Commento da Facebook
Commento da Facebook
20 giorni fa

… avete completato il mosaico dando il centrocampista Gaetano, (che a Bari serviva come il pane) al Cagliari.
Potevamo essere tutto, invece non siamo niente.
Dopo quel maledetto 11 giugno avete gettato la maschera, giocando con i sentimenti di un popolo.
Programmazione fatta con poco e male, tutto in subordinazione della maglia che amate davvero.
Noi siamo per voi un investimento e niente più.
Peccato, perché noi vi avevamo creduto.
Ora però una preghiera, non siate cosi cattivi e vendicativi da portarci in C (inferno) e venderci.
Abbiate almeno le palle di metterci la faccia e non di mandare al macello allenatori che hanno a che fare con giocatori rotti, demotivati, o nel migliore dei casi spompati.
Dichiarazioni come quelle del vostro giullare Polito “questo è un anno di transizione ” che effetto possono avere sulla psiche di un ragazzo che vuole emergere o sul giocatore forte, ma che cerca un rilancio???
Non meritiamo tutto questo, per favore andate via da Bari, lasciateci in pace.
Ci sarebbe tantissimo ancora da dire, ma è meglio non dirlo.
D I S E R Z I O N E ⭕

Commento da Facebook
Commento da Facebook
20 giorni fa

Un anno da dimenticare .

Articoli correlati

Ballottaggio Lulic-Bellomo-Acampora per una maglia al fianco di Benali ed Edjouma sulla fascia mediana del...
Doppio turno esterno alle porte per la truppa di Iachini, a caccia di conferme dopo...
Tutto sul match in programma sabato 24 febbraio alle ore 14:00 allo stadio Druso...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

La Bari Calcio