La Bari Calcio
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

QdP- Disparità di giudizio: Bari furioso

Il focus del quotidiano sugli episodi arbitrali di Frosinone

“Il Bari non ci sta”. Questa l’apertura odierna del Nuovo Quotidiano di Puglia, incentrata sugli episodi della gara di Frosinone che hanno coinvolto l’arbitro Perenzoni, che ha espulso Bellomo dopo venti minuti di gioco dopo il richiamo del Var.

“L’intervento, praticamente analogo, da parte di Moro è stato invece punito dall’arbitro soltanto con l’ammonizioneprosegue il quotidiano –. La gara persa a Frosinone è anche frutto (ma non solo) delle decisioni arbitrali”.

Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

I poteri forti dietro al Frosinone

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

No si manda un novizio di Arbitro può andare ad Arbitrare i Rovereto nel Trentino poi il VAR A due facce L’ Espulsione a BELLOMO DEL BARI POI STESSO FALLO MORO DEL FROSINONE NULLA EVIVA ALLA REGOLARITÀ

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Partita e risultato palesemente penalizzati
dal direttore di gioco.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Purtroppo è la vita e lo stress a portarci alla confusione, lo sport e il calcio in particolare dovrebbe essere un diversivo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Perché spesso il mister è in confusione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Vorrei sapere perché non gioca D’Errico

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Senza Maiello siamo una squadra normale !!! Mettere Maita al posto di Maiello è stato un grave errore tecnico perché abbiamo avuto difficoltà ad uscire dal nostro centrocampo !! Una cosa positiva ? Dopo L espulsione l’allenatore ha capito( finalmente) che Antenucci era l’uomo inutile !!!

colin ciolagross
colin ciolagross
1 anno fa

Arbitro non pronto per la serie B, decisioni discutibili e mai convincente. Ma l’artefice delle negative decisoni è lo scarsissimo arbitro al var Di Martino di Giulianova, giovane promessa dell’AIA di qualche anno fa, sembrava avere tutto per una carriera nella massima serie. Ma proprio per il suo ego smisurato dispensava cartellini sia rossi sia gialli a quantità smisurata compromettendo la sua ascesa ai vertici della categoria. Difatti il designatore proprio per questa sua inclinazione lo ha dismesso per motivate valutazioni tecniche dal dirigere le partite collocandolo al var, dove continua fare danni come l’espulsione eccessiva di Bellomo. Ora mi chiedo se c’è qualcuno che ha visto il rigore dato alla fiorentina e la mancata espulsione di Di Marco che oltretutto non è stato neanche ammonito. La disparità delle decisioni al var mi lascia molto perplesso; e pensare che era stato ideato per risolvere dubbi o quantomeno limitare al minimo gli errori, ma il caso sopracitato è un macigno difficile da digerire. Per ultimo vorrei informare i tifosi biancorossi di passaggio a Giulianova di fare un salto al suo ristorante sul lungomare dove si possono gustare piatti di pesce. Andiamo in tanti !

Paolorossi
Paolorossi
1 anno fa

Arbitro scarso,inadeguato ,incapace in ogni caso anche sulle proprie decisioni arbitrali. Non è all’altezza di gestire partite importanti perché va subito in confusione. Deve continuare a fare tanta pratica in lega-pro. Indisponibile,arrogante e supponente nei confronti dei calciatori baresi. Espulsione ed ammonizioni hanno condizionato la gara dei biancorossi. Due errori tecnici ( oppure…..) da far riflettere tanto . Chiederei la ripetizione della partita dal 20 minuto del 1 tempo in poi.
Sembrerà assurdo? Mah……. e comunque non deve rimanere impunito .
Forza Bari.

Sergio
Sergio
1 anno fa

Daniele Perenzoni della sezione di Rovereto. L’anno scorso, a Palermo, al minuto 41’ del primo tempo, caccio’ fuori dal campo Terranova (rosso diretto) con una decisione che fu abbastanza discutibile. Dopo un anno, lo stesso arbitro, nel frattempo promosso in B, si è reso protagonista di un’altra contestata espulsione, tanto più se ha dimostrato di usare due pesi e due misure con riferimento al caso Moro, poi subito sostituito. Il Bari fa bene ad alzare la voce e a pretendere che partite di cartello non vengano più affidate ad arbitri sicuramente inesperti e forse in malafede.

Articoli correlati

Dalla panchina Kallon e Menez, da stabilire l'identità del calciatore che affiancherà Di Cesare e...
Fuori causa anche lo squalificato Vicari e il lungodegente Koutsoupias, arruolabili tutti gli altri...
Gli emiliano arrivano a quota 59 punti. Termina a reti bianche Sudtirol-Lecco...

Dal Network

“Fare punti è fondamentale per la nostra crescita. Derby? Le motivazioni verranno da sole"...
La squadra di Vivarini ha saputo soffrire ed è riuscita a trovare una clean sheet...
Il centrocampista ha smaltito i problemi influenzali. Disponibile anche Brighenti, che rientra dal turno di...
La Bari Calcio