Resta in contatto

News

Bari, De Laurentiis: “Pronti al girone di ritorno che ci deve portare in B, questo il regalo per i tifosi”

Il numero uno biancorosso si racconta ai microfoni di RadioBari

Luigi De Laurentiis, presidente del Bari, compie un bilancio di quanto fatto fin qui dalla squadra e si sofferma sull’attuale situazione di emergenza che sta coinvolgendo la Serie C. Queste le sue dichiarazioni:

LO STOP – «Condivido lo stop, anche perché i casi sono tanti soprattutto nel mondo calcistico – esordisce il patron del Bari ai microfoni della radio ufficiale del club – A tutela della possibile ripresa era importante spostare in avanti il più possibile: rispetto alla A la Seri C non ha la problematica delle nazionali, non ha la Champions, non ha le Coppe. La situazione è più facile e la decisione è stata ottimale».

I RECUPERI A FEBBRAIO – «Quella è una scelta che condivido meno, anche perché nessuno ci ha consultato prima di prenderla. Non siamo facilitati, anche se poi tutti dovranno giocare ogni tre giorni e non sarà semplice per nessuno:  magari, peraltro, qualcuno tornerà da una positività con strascichi pesanti a livello fisico e giocare con questa frequenza farà aumentare il rischio di infortunio. Certe squadre, per organico, potrebbero essere piegate. Non cerco alibi, ma intanto abbiamo mandato una lettera alla Lega per chiedere di spostare in avanti la fine del campionato, in caso di ulteriori rallentamenti, proprio nell’ottica di avere più respiro».

IL MERCATO – «Sono in contatto perenne con il direttore sportivo Polito. Non c’è dubbio, è sotto gli occhi di tutti che il Bari ha una squadra completa con ricambi di qualità, un gruppo che si è unito formando una macchina che gira molto bene. Questo non vuol dire, però, che non ci sia un lavoro costante per ottimizzare la squadra, valuteremo attentamente quali uscite e quali entrate fare. Siamo attivi, prima della fine del mercato vedremo qualche innovazione».

IL TANDEM POLITO-MIGNANI – «Polito è un vero guerriero del calcio, un guerriero di queste categorie. Credo che grazie alla sua enorme empatia e grazie alla sua autorevolezza sia riuscito a portare a Bari un gruppo di abili guerrieri ignoranti ma intelligenti. E’ stato lui a riuscire a comprendere che tipo di gruppo costruire per andare avanti con successo. Per quanto riguarda Mignani, il mister è una persona pacata che ha la tranquillità giusta per insegnare il calcio a un gruppo. La sua pazienza ma allo stesso tempo la sua autorevolezza gli permettono di essere seguito, ha dimostrato ad oggi con i fatti di poter allenare a questi livelli».

DI CESARE – «Con il nostro capitano mi sento spesso, ho un bel rapporto. Alla fine dello scorso campionato ci siamo stretti la mano, lui è stato il primo a dire di voler restare, rimettendo anche le mani in tasca per modificare l’accordo economico. Ha dimostrato tanto, mi dispiace per l’infortunio perché anche durante la prima parte del campionato ha dato tutto se stesso, si è impegnato dopo l’operazione per tornare in campo il prima possibile. Giocatori come Di Cesare fanno bene alle squadre, parliamo di persone tutte d’un pezzo, dotate di particolare empatia, persone motivate che vogliono arrivare al risultato. Mi auguro di poter andare fino in fondo anche insieme a lui».

IL REGALO AI TIFOSI – «Siamo determinati, uniti e pronti a percorrere un girone di ritorno che ci deve portare a inseguire la Serie B. Questa è la nostra mission, questo è il regalo che mi auguro di fare i tifosi a fine campionato. Vorrei che in compenso, nel momento in cui la squadra tornasse nei contesti in cui merita di stare, questa città dimostrasse fino in fondo il suo legame verso di essa. Voglio vedere una città felice di ritrovare la squadra in una categoria importante».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Peccato sono solo 11, perchè ci sarebbero altri tipo Tovalieri, Daniel Andersson, Kenneth Andersson, Neqrouz, Gerson, Garzja, Mancini, De Rosa"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo i suoi bolidi dai calci di punizione ed in particolare il goal in in cosenza bari che ci spinse verso la A. Grande difensore."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "io ero in curva quando Maiellaro ci deliziava, la sua sfortuna è stata che in Nazionale ci stava prima Giannini e poi Baggio e Vicini due fantasisti..."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da News