Resta in contatto

Approfondimenti

Bari, fasce a corrente alternata: sul mercato serviranno rinforzi

Ciofani inamovibile, ma poco offensivo, manca un mancino puro alternativo a D’Orazio. E resta il rebus Andreoni.

Un intero settore da ripensare. Per riuscire nell’inseguimento alla Ternana capolista del girone C di serie C, il Bari ha bisogno di spingere sulle corsie laterali. Un reparto che fin qui ha reso in maniera meno funzionale rispetto alle esigenze imposte dal 3-4-3 di Gaetano Auteri. Matteo Ciofani, Francesco Corsinelli, Cristian Andreoni, Tommaso D’Orazio e Daniel Semenzato sono stati gli elementi utilizzati in questi sedici turni del girone d’andata. Analizzando la situazione ai raggi X, Ciofani è stato il fattore della continuità. Il 32enne abruzzese ha totalizzato 16 presenze e 1.357 minuti, attestandosi come l’unico calciatore di movimento sempre sceso in campo in campionato, nonché il secondo per minutaggio alle spalle del portiere Frattali. Al suo conto vanno aggiunte pure due reti: il suo rendimento è senz’altro più che sufficiente, sebbene l’interpretazione del ruolo sia parziale poichè garantisce equilibrio e soprattutto una buona duttilità che gli permette (come spesso è avvenuto) di passare sulla corsia opposta oppure di scalare nel terzetto difensivo, ma gli manca la prorompenza nella spinta, lo spunto nell’uno contro uno, la garanzia nel suggerire con costanza per gli attaccanti. La sua permanenza è scontata, ma servirebbe un’alternativa con tali caratteristiche. Un prospetto che in realtà nella rosa barese corrisponderebbe ad Andreoni: l’ex Ascoli fa della forza fisica e della progressione le sue armi, ma finora non ha potuto mostrare nemmeno un particolare del suo repertorio. Un tempo anonimo nella prima giornata, a Francavilla, quindi la convivenza con una forte forma di pubalgia che lo ha costretto puntualmente ai box. Se non recupererà la piena efficienza fisica, valutare la sua cessione diverrà inevitabile.

Così come è scontata la partenza di Corsinelli: il 23enne arrivato la scorsa stagione dal Piacenza non ha compiuto il salto di qualità atteso. Quattro gettoni appena, 84 minuti complessivi: andrà altrove a cercare maggiore spazio. Tommaso D’Orazio, partito in maniera convincente con una rete e due assist alla prima giornata, è gradualmente sceso su standard meno esplosivi. 13 presenze e 902’ lo rendono comunque un punto fermo, a patto di affiancargli un elemento in grado di alternarsi con lui. Un compito che finora è stato spesso assolto da Daniel Semenzato, 14 presenze e 596’ spessi molto spesso a sinistra. Tuttavia, l’ex Pordenone è un destro naturale che sulla corsia opposta incontra ovvie difficoltà.  Il mercato che scatterà il quattro gennaio, dunque, porterà novità. Almeno un innesto a sinistra è scontato, ma potrebbe accadere qualcosa pure a destra.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da Approfondimenti