Resta in contatto

News

Bari, Romairone: “Ora tutti zitti, lavoriamo e diamo l’anima per vincere”

Il direttore sportivo si presenta davanti ai tifosi in un momento difficile per la squadra. In una conferenza che vuole restituire certezze alla piazza biancorossa

“Abbiamo fatto una prestazione brutta, negativa, la squadra aveva grande volontà nel proporre alcune cose ma è successo solo a sprazzi. Dall’altra parte l’avversario è stato più lucido e bravo di noi. La Ternana è al momento più pronta di noi, ma non mi interessa dirlo. Non voglio dare alibi, ci lecchiamo le ferite, lavorare e poi vedere se tutti gli avversari avranno capacità di mantenere questo passo”. Secca pronta l’analisi di Giancarlo Romairone, in una conferenza stampa fiume, sulla sconfitta pessima che il Bari ha incassato contro la Ternana domenica scorsa. Una sconfitta mal digerita dalla tifoseria per la prestazione non all’altezza di una squadra che sulla carta lotta per la promozione diretta in Serie B.

TATTICA

Di tempo ne è già passato dall’inizio del campionato, e nonostante manchino ancora tante partite lo stesso non si può dire se si parla del tempo in termini di continuità e convinzione: “Deve essere chiaro – spiega Romairone – che c’è un lavoro quotidiano da parte di tutti, determinato da una volontà forte della nostra proprietà che trasmette su di noi con grande convinzione. Abbiamo un obiettivo e una strada da percorrere sulla quale c’è molto da fare. E noi stiamo lavorando. Non credo ci sia il concetto del tempo, perché questo si conquista in ogni istante, ma solo di quello che si raccoglie alla fine. Non ci deve scalfire niente ma riflettere quello che ci succede”. Si sono sollevati anche dubbi sulla tenuta della fase difensiva, in particolar modo sulla fascia sinistra: “Bisogna correre forte e sputare l’anima, questo è poco ma sicuro. Ci sono concetti che un allenatore prepara e sviluppa. Tutte queste imbarcate sulla sinistra non ne ho viste, ho visto dei momenti di difficoltà ma niente di più. Il mister vuole fare un gol più degli altri e questo espone la squadra a determinate situazioni. Così quando si difende ci vogliono centrocampisti di grande sostanza e gli attaccanti che aiutino la fase difensiva. Siamo in Serie C, ci sono 23 giocatori in lista e se vogliamo fare un gol più degli altri abiamo scelto di avere un attaccante in più e un difensore in meno. I difensori saranno sempre 3 in campo e faranno del loro meglio”.

SENZA AUTERI

E l’assenza, fisica, di Gaetano Auteri sul campo di allenamento e nelle partite ufficiali è molto pesante: “Noi ora non abbiamo un allenatore e questo va sottolineato. Certo abbiamo uno staff preparato ma non è la stessa cosa perché ognuno ha il proprio ruolo. La squadra certo deve diventare squadra così il centrocampo deve aiutare la difesa così come quando si attaccherà lo si farà in maniera armoniosa e tutti insieme. Ora stiamo facendo dei correttivi ma con la grave mancanza del mister. Lo aspettiamo consci che dobbiamo sopperire a questa mancanza. Ma questo non è un alibi, però è ovvio che serve un allenatore che sviluppi il suo pensiero”.

MARGINI DI MIGLIORAMENTO

C’è però un lato positivo che Romairone sottolinea: “Con la Ternana è stata la terza partita della settimana e tutto ciò che poteva succedere di negativo è successo. C’è però una nota positiva che abbiamo un margine di miglioramento clamoroso. Questo Bari ha 30/40% di margine di miglioramento. E può giocare in tutte le maniere possibili, aprendo a grandi possibilità tattiche. Oggi Marras è il nostro Falletti e se qualcuno lo perderemo per strada non andremo contro un muro, faremo solo il nostro lavoro quotidiano. Mettiamo da parte la sconfitta, la accettiamo, stiamo zitti e lavoriamo. E i conti li facciamo alla fine”.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Tutta questa arroganza e sicumera te la puoi tenere per te. Romainone vai a prendere i fondelli non i tifosi del Bari…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

NON SIAMO I SOLI A GIOCARE SENZA ALLENATORE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Con tutto il rispetto per Marras, ma Falletti è sembrato di altra categoria , bisogna avere il coraggio di ammettere che su
10 o più acquisti, più della metà non sono all’altezza o bolliti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Sparisci Romairone che fa la rima con bidone ossia tutti quelli che hai portato a Bari. Vergognati

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Per il Ds sembra che solo il Bari, abbia margini di miglioramento, le altre resteranno a guardare noi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

la Ternana sembrava il Real Madrid , Antenucci scendi dal piedistallo. Per non parlare di quel cesso che si è fatto espellere di cui non ricordo il nome….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

S P E R O che la lezione sia da E S E M P I O.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

tutte le attenuanti che vuoi ma una sconfitta simile non ci sono alibi che tengono una squadra senza anima e cuore è questo il dato preoccupante!!!!!la ternana ha continuato a giocare fino alla fine al contrario nostro!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Presuntuosi!!! Ecco cosa siete…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Reggina Reggiana Ternana da diversi anni in C il Lecce dopo 7 anni è tornato in serie B quindi loro già rodati nei problemi di questa categoria pochi innesti ogni anno è così si vola ma se ogni anno cambi più di mezza squadra compreso allenatore staff tecnico etc addodaschi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Anche questo anno ci hanno raccontato che i giocatori acquistati sono di categoria superiore. Ad oggi direi che hanno deluso ogni aspettativa, incluso il Mister.

Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "tutti giocatori di don Vincenzo!"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News