Resta in contatto

News

Protti: “Se arrivasse la chiamata da Bari ne sarei orgoglioso”

L’ex attaccante biancorosso ricorda sempre con affetto e onore il suo passato in Puglia e non disdegnerebbe un ruolo da dirigente del galletto

È uno dei giocatori più amati nella storia del Bari, uno di quei calciatori, ma prima ancora uomini, che hanno lasciato un segno profondo nei supporter biancorossi e ancora oggi, quando lo si rivede allo stadio San Nicola tutte le attenzioni sono verso di lui. Igor Protti è stato una vera e propria bandiera per i baresi. La sua fame di vittoria, l’attaccamento ai colori biancorossi, l’impegno che ha sempre messo fino all’ultimo minuto per il galletto hanno fatto di lui un mito immortale. E oggi che nel calcio fa il dirigente, se dovesse arrivare una chiamata dalla città di San Nicola verrebbe di corsa.

Lo ha dichiarato lui stesso in un’intervista a Il Posticipo: “Ho un rapporto fantastico con la piazza. – dice al quotidiano online – Quanto torno a Bari a volte mi sento in imbarazzo per l’amore e l’affetto che la gente mi dimostra 24 anni dopo. Tra me e Bari c’è un legame indissolubile. Se un giorno qualcuno dovesse pensare che io possa fare qualcosa di buono per il club non più da calciatore ma in qualche altro ruolo mi renderebbe orgoglioso. Prenderei in grandissima considerazione una chiamata del Bari”.

Per il momento però Protti è spettatore delle imprese del Bari e nei prossimi playoff tiferà certamente i colori biancorossi. Lui che ha sofferto quando il Bari ha dichiarato fallimento, ora spera con tutto il cuore un ritorno veloce in Serie A: “Bari manca alla massima categoria ma sono sicuro che tra poco tempo la rivedremo lì. Spero che quest’anno venga fatto il primo passo in questo senso vincendo i playoff di C: il Bari è favorito, ma dovrà fare attenzione”.

E tutto quell’amore che Protti ha verso Bari lo dimostra ricordando l’anno in cui diventò capocannoniere della massima Serie nonostante la retrocessione dei galletti: “Ho provato una grande delusione perché il mio unico pensiero era cercare di salvare la squadra. – ricorda – Abbiamo lottato col coltello tra i denti, ma non ci siamo riusciti. So di aver fatto una stagione pazzesca e sono orgoglioso di essere tra i pochissimi giocatori in grado di vincere la classifica con una squadra del sud”.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

E troppo brutto Protti caxxo.. a Bari l estetica conta!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Igor è Igor…… Lo zar di Puglia…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Molti sono nati con i gol di Igor ,ne trovassimo un altro come lui

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

sei unico una vera bandiera del bari magari diventassi un dirigente del bari!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

E non è di Bari. Al contrario di uno che ha rinnegato la propria città.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Il calcio non è solo andare allo stadio per la gara ma anche business..con Protti all’interno della società si da modo ai tifosi di stare sempre più attaccati a calciatori stadio e società. E il nostro Presidente so che saprà sfruttare al massimo anche questa opportunità in quanto Protti è molto amato dalla tifoseria..Ci pensi Sig. Presidente 😃❤

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Mi vengono i brividi solo a ricordare i suoi gol

Commento da Facebook
Commento da Facebook
16 giorni fa

Eeeeeeeee igor protti facci un gol e Igor protti facci un golllllll e Igor protti protti protti faci ungolllllll ❤️❤️❤️❤️❤️❤️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Ma vai al livorno mercenario

Commento da Facebook
Commento da Facebook
17 giorni fa

Grande. Protti. Sei rimasto nei nostri cuori.

Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Sandro Mannini sicuramente....al posto di Ingesson certamente Gerson...si perde in impostazione ma si guadagna in solidità difensiva...allenatore..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News