Resta in contatto

Approfondimenti

Angelozzi lancia il Bari: “I playoff saranno un’occasione unica”

L’ex ds biancorosso, ora direttore dell’area tecnica dello Spezia, analizza la volata per la B: ecco la sua griglia.

“I playoff rappresentano un’opportunità unica: il Bari non deve farsela scappare”. Parola di Guido Angelozzi che parla dei biancorossi in un’intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno. “I playoff sono l’unica soluzione possibile. La C ha tre gironi e 60 squadre: è come se fossero tre campionati. Impossibile farli ripartire tutti, considerando gli affanni della categoria ed i problemi finanziari causati dal lockdown. Allo stesso modo, sarebbe stato ingiusto attribuire una promozione tramite sorteggio o con calcoli che non possono essere comparati da un raggruppamento all’altro. I biancorossi sono il complesso più forte. In questo momento del calcio il gap tra una compagine più attrezzata tecnicamente ed una meno può essere colmato dalla corsa, dall’agonismo al massimo livello o dalla spinta del pubblico. Componenti che mancheranno perché, dopo tre mesi di inattività, non c’è squadra che possa andare a pieni giri, così come l’indicazione del momento impone le porte chiuse, anche se mi auguro che qualcosa in tal senso possa cambiare. In questo contesto dominano qualità ed esperienza. E il Bari ne ha in dosi massicce. Basti pensare ad Antenucci e Laribi che sono top assoluti. Ma anche a Frattali, Di Cesare, Costa. In giro non c’è di meglio. In un’ideale griglia, dietro il Bari metto in prima fila la Reggiana perché ha un gioco collaudato, il Padova perché ha una rosa vasta e di qualità. Subito dopo il Carpi, complesso solido, la Ternana, ricca di individualità e la Carrarese che possiede elementi in grado di risolvere le contese con un colpo. Quindi il Catanzaro che a mio avviso ha espresso poco del suo potenziale ed il Catania a condizione che si presenti con la rosa titolare, mettendo da parte i problemi societari. Come eventuale sorpresa indico il Monopoli”.

Sui calciatori avversari ha un’dea precisa. “I grandi attaccanti vanno tenuti d’occhio. Gente che ha una classe tale da annullare l’età. Tavano e Maccarone della Carrarese, Gonzalez del Novara, Caracciolo della Feralpi Salò, Granoche della Triestina.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Sandro Mannini sicuramente....al posto di Ingesson certamente Gerson...si perde in impostazione ma si guadagna in solidità difensiva...allenatore..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti