Resta in contatto

Approfondimenti

Bari, comincia la sfida a distanza con la Reggina

La Gazzetta del Mezzogiorno mette a confronto il calendario delle due big del girone C che si sfideranno il 26 gennaio.

Scatta il conto alla rovescia verso il match più importante della stagione del Bari. La Gazzetta del Mezzogiorno analizza come i biancorossi e la Reggina si guarderanno a distanza per l’ultima settimana. Quindi, saranno una di fronte all’altra. Il 26 gennaio i calabresi in vetta al girone C di serie C ospiteranno i galletti secondi (a pari punti con la Ternana sulla quale però prevalgono per lo scontro diretto vinto 2-0 al San Nicola) in una sfida che potrebbe riaprire i giochi per la promozione diretta o chiuderli per sempre.

Nove i punti di vantaggio degli amaranto sui biancorossi. Che proveranno a sfruttare gli otto giorni a disposizione per ridurre le distanze. La truppa di Vincenzo Vivarini ha un’occasione da non perdere nei prossimi 180’.

Due gare interne rispettivamente contro ultima e a penultima della classe. Si parte dal match contro un Rieti falcidiato dai gravissimi problemi societari: appena otto i punti dei laziali che sul campo in realtà ne conterebbero 13, ma scontano il -5 di penalizzazione per le inadempienze sul pagamento degli emolumenti. I 43 gol subiti rendono la difesa del Rieti la peggiore del raggruppamento: la spia di tantissimi problemi che non saranno risolti nemmeno da un mercato di gennaio più votato a vendere per sistemare i conti (si è svincolato pure il bomber Marcheggiani) che ad acquistare. Il cammino proseguirà sempre al San Nicola mercoledì contro la Sicula Leonzio (alle 20,45) che, stando ai risultati del campo, sarebbe il vero fanalino di coda del raggruppamento centro-meridionale con undici punti effettivi, appena due vittorie (è la squadra che ha vinto meno in assoluto in campionato) ed un rendimento esterno disastroso con appena tre punti conquistati in nove viaggi, frutto di altrettanti pareggi, mentre ben sei sono i ko.

Per rallentare la corsa della Reggina, il Bari chiede aiuto ai “cugini”. Al Bisceglie, innanzitutto, che riceverà domani i calabresi (alle 15): pur non passandosela bene, i nerazzurri giocano pur sempre tra le mura amiche ed hanno un disperato bisogno di punti. Così come non sarà agevole l’incontro di mercoledì al Granillo contro il Francavilla che davvero non vuole farsi risucchiare in zona play out. Peraltro, la Virtus all’andata è stata tra le poche compagini in grado di fermare la Reggina, pareggiando 1-1 al Giovanni Paolo II. Scontato che presentarsi al big match con uno svantaggio inferiore rispetto a quello attuale sarebbe dinamite pura per il Bari che potrebbe davvero puntare tutte le sue fiches sul colpaccio.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Giovanni,è stato un Grande ne avessimo di giocatori oggi seri e affezionati alla propria città come lui."

Joao Paulo, un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Ultimo commento: "Inserire i commenti da parte degli utenti equivale a vederli pubblicati. Gli unici commenti che vengono cancellati sono quelli che possono avere..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "dopo di lui più nessuno in quel ruolo! a oggi guardo ancora le sue azioni e i suoi goal su youtube ièv fort!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti