Resta in contatto

Approfondimenti

L’editoriale: Tanti auguri dolce, vecchia stella del Sud

Il Bari compie 112 anni: un’epopea gloriosa che merita il rilancio nel calcio che conta.

A 112 anni riesce ancora a strappare un urlo per un gol al 95′, a Viterbo. In serie C. Magia del Bari. Di un sentimento tanto intenso quanto tormentato, tanto forte da far superare qualsiasi ostacolo. Può essere difficile da comprendere per le ultime generazioni che cosa sia il Bari. Per chi ha la possibilità di vedere una partita su quattro dispositivi diversi. Per chi può scegliere l’inquadratura migliore per notare come Cristiano Ronaldo abbia acconciato i capelli. Già, perché di questa epoca fondata sulla tecnologia esasperata e sulla comunicazione globale, il Bari non è stato protagonista. Manca dalla serie A da nove anni. E quell’ultimo torneo disputato nel massimo campionato rappresenta il pessimo ricordo (calcioscommesse, primi evidenti cedimenti dell’era Matarrese) di quanto (andando sempre peggio) sarebbe avvenuto dopo.

La storia, per fortuna, racconta anche altre verità. E forse è bene ricordare che nelle cosiddette classifiche perpetue del campionato italiano, il Bari rientra abbondantemente tra le prime venti realtà del nostro pallone. Che con trenta campionati nella massima serie (33 se si includono quelli dal 1898 al 1929), il Bari ha militato ai massimi livelli più del Parma o del Palermo. Che la maglia biancorossa è stata indossata da un numero impressionante di calciatori che hanno scritto pagine indelebili del calcio nostrano, alcuni dei quali arrivati persino a fregiarsi del titolo di campioni del mondo con la maglia azzurra. E volutamente non ci avventuriamo in elenchi che finirebbero inevitabilmente con il mietere esclusioni eccellenti. Né in infinite carrellate di numeri ormai facilmente reperibili sui moderni supporti che consentono comunque di farsi quantomeno un’idea di che cosa sia il Bari.

Ma, toccando il lato sentimentale, la squadra biancorossa è ancora di più. E’ l’amore sviscerato di un popolo che non conosce confini, distanze e categorie. Di una comunità di sognatori, di gente che da una vita auspica e a volte pretende un futuro migliore. Non è facile Bari, è vero. E non è per tutti. Ma è altrettanto inoppugnabile l’amore che la piazza dimostra dati alla mano. Eccellendo puntualmente in ogni graduatoria di presenza. Rappresentando una controtendenza in un Paese sempre più votato alla poltrona e meno alla gradinata.

Il Bari nella sua lunga storia e nelle mille traversie societarie non ha mai trovato il principe azzurro che coronasse il sogno più profondo. Di rimanere almeno stabilmente ancorata all’elite del calcio, magari di varcare i confini nazionali, come è successo a realtà nemmeno paragonabili per dimensioni e potenzialità. Ci auguriamo (ed auguriamo al Bari) che sia stata la famiglia De Laurentiis a comprendere l’infinita miniera d’oro d’amore che accompagna questa squadra e che possa finalmente dare sfogo ad un sentimento più che mai vivo e smanioso di emergere in tutta la sua dirompenza. Sarebbe fin troppo facile accorgersi che basterebbe poco per rendere persino l’immenso San Nicola insufficiente a contenere un affetto incommensurabile.

Il Bari deve tornare ad essere un polo, un riferimento, una realtà di primo piano. Proprio come raccontano 112 anni di storia che non possono sbiadire per l’ultimo maledetto decennio. Che sia questa la missione da non fallire. “Sappiate amare la Bari. Sappiatela custodire e guardatela sempre con occhi innamorati”, disse Floriano Ludwig, colui che il 15 gennaio 1908 insieme ad un manipolo di commercianti oriundi dette inizio a tutto questo. Bisogna tornare a vincere. Nella sua memoria. Nel rispetto delle migliaia e migliaia di persone che ogni giorno si svegliano con il cuore biancorosso e lottano per un ideale.

Tanti auguri cara, dolce, vecchia stella del Sud

7 Commenti

7
Lascia un commento

avatar
7 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Quando avremo una grande scuadra

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

100 anni tra BeC

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grande Davide ♥️

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

La bari, tanti auguri

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Tantissimi auguroni

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

… bellissimo e realistico servizio!!… complimenti davvero!!…

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

I colori della vita.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti