Resta in contatto

Rubriche

Il personaggio della settimana: Giovanni Terrani

Il centrocampista biancorosso ha tutte le caratteristiche del talento puro ma Vivarini sta provando a farlo crescere anche dal punto di vista caratteriale

Ha atteso il suo momento, senza mai una parola fuori posto, piazzato prima come ala nel 4-4-2, poi come trequartista nel 4-3-1-2, poi ancora come mezzala nel 3-5-2. Alla fine però il lungo girovagare per il campo di Giovanni Terrani ha pagato. Contro la Vibonese ha trovato il suo primo gol in campionato, bellissimo e importantissimo, con un pallonetto sul portiere per il 2-2 finale tra il Bari e i calabresi.

Ora però Terrani può essere quella pedina imprevedibile del centrocampo biancorosso. Molto più a suo agio da esterno o da trequartista, Vivarini invece sta cercando di reinventarlo mezzala, compito che richiede altri movimenti e altre attitudini. Così come sta tentando di smaliziarlo anche dal punto di vista della personalità.

Perché se il centrocampista originario di Vigevano è tanto dotato con la palla tra i piedi, resta persona molto timida e riservata. Una caratteristica che lo fa apprezzare dai compagni e dai tifosi ma che in campo non paga. Ecco perché il tecnico biancorosso lo sprona continuamente ad uscire dal guscio e a mettere in campo la cattiveria agonistica necessaria per affrontare il duro campionato di Serie C. Ancor di più se l’intenzione è quella di essere impiegato come terzo di centrocampo, ruolo che richiede grande corsa, sacrificio e attitudine tanto al “lavoro sporco” quanto alla capacità di inserimenti in area avversaria.

D’altronde Terrani di qualità e talento ne ha da vendere. Nel 2017 il Direttore Sportivo del Perugia Roberto Goretti lo scova nella Lucchese e se ne innamora subito, lo considera un talento vero. Però a volte il calcio è strano e in serie B con la squadra del Grifo non riesce ad avere quella continuità che gli sarebbe servita per maturare definitivamente, a causa anche di alcune incomprensioni con Nesta nel suo secondo anno di gestione. A Bari allora potrebbe avere la chance per dare una svolta alla sua carriera, trovando maggiori opportunità di calcare i campi, assumendo nuove competenze tattiche e trovando quella grinta agonistica che serve per emergere sui grandi palcoscenici.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rubriche