Resta in contatto

News

Bari, Kupisz non fa drammi: “Dobbiamo lavorare senza perdere tempo”

Prima dell’allenamento di mercoledì il giocatore polacco ha voluto rimarcare la necessità di rimboccarsi le maniche sin da subito per non commettere più gli errori fatti contro la Viterbese

La sconfitta contro la Viterbese ha certamente lasciato dei segni in Cornacchini e nei giocatori. Segni che tutti hanno voglia di eliminare per guardare al prossimo futuro. Così Thomasz Kupisz, intervistato da TeleBari, ha voluto spronare tutti a mettersi subito al lavoro per correggere gli errori commessi: “Dobbiamo capire insieme cosa è successo. Dopodiché dobbiamo subito tornare a lavorare perché non c’è tempo da perdere. Purtroppo i giocatori della Viterbese sono stati bravi nelle ripartenze, concedendo tre gol praticamente uguali nello sviluppo dell’azione. E questo non deve succedere”.

Poi Kupisz si è soffermato sulle proprie caratteristiche e sulla sua posizione preferita in campo: “In passato ho già giocato come terzino destro, perciò il mister mi ha messo qui. Ho sempre lavorato da attaccante o esterno a centrocampo, ma essendo un professionista faccio ciò che mi chiede l’allenatore, senza musi lunghi per rispetto dei compagni“.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News