Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Un brutto passo falso ma c’è tempo per recuperare

L’inaspettato ko di Avellino ha mandato in fibrillazione la tifoseria, soprattutto coloro i quali nutrivano dubbi sulla riconferma di Cornacchini

E’ successo di nuovo. Come a Torre del Greco, come ad Avellino tre mesi fa. Una volta andato sotto a causa di quelle che nel calcio si chiamano palle sporche il Bari non è più riuscito a trovare il bandolo della matassa. Anche negli altri due scontri diretti in terra campana i galletti, sufficienti (a tratti anche discreti, ndr) fino a quando il risultato è rimasto fermo sullo 0-0, avevano mostrato una manovra scolastica, non in grado di creare seri pericoli ad avversari che si difendono tenacemente, con cinque difensori in linea e undici uomini dietro la linea della palla. Uscendo dal campo sconfitti e con un bruciante senso di frustrazione per un potenziale offensivo che non è stato sfruttato a dovere.

L’inaspettato ko in casa degli irpini, che hanno schierato una formazione raffazzonata, a corto di preparazione, nettamente inferiore sul piano delle individualità e che appena tre giorni prima aveva disputato la prima gara ufficiale della stagione, ha stupito stampa e addetti ai lavori e mandato in fibrillazione la tifoseria. Perdere non fa mai piacere, perdere facendosi eliminare nonostante due risultati su tre a disposizione e in casa di una rivale non certo messa bene per i motivi di cui sopra costituisce un’aggravante non di poco conto per tecnico e calciatori. Ed ha ridato fiato ai tanti supporter biancorossi che nutrivano dubbi sulla riconferma di Cornacchini, messo in croce per un girone di ritorno ed una Poule Scudetto in cui i galletti hanno faticato non poco contro avversari tutt’altro che irresistibili.

Ma è altrettanto vero che siamo ad agosto ed anche il Bari deve necessariamente trovare la miglior condizione e la miglior formazione per poter recitare il ruolo da protagonista, in campionato, che tutti si aspettano. Per fare un paragone storico, che forse qualcuno potrebbe ritenere blasfemo, anche il Bari di Antonio Conte salutò anzitempo la Coppa Italia, eliminato al secondo turno dall’Ascoli (1-0 gol di Pesce, ndr). Altri tempi, altra società, altre ambizioni sottolineerà qualcuno. Quell’anno i biancorossi partirono a fari spenti, crescendo di partita in partita fino a demolire tutti gli avversari che si trovarono davanti. Quest’anno, visto il mercato, viste le dichiarazioni del patron De Laurentiis, si parte da favoriti. Prima il gruppo riuscirà a calarsi nella categoria, prima riuscirà a capire che contro il Bari tutti giocheranno la partita della vita, meglio sarà.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia del Bari: deciso il miglior portiere di sempre!

Ultimo commento: "Mannini volevo dire terza opzione"

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da Approfondimenti