Resta in contatto

News

Hamlili l’imprescindibile: senza di lui quanta fatica in mediana!

Il centrocampista italo-marocchino si conferma un elemento che difficilmente può essere lasciato fuori per il Bari: ieri è mancato il suo dinamismo

La sconfitta rimediata ieri sul campo dell’Avellino ha lasciato un velo di amarezza e delusione tra i tifosi del Bari. In molti speravano di vedere sottomettere gli irpini, che già a maggio avevano inflitto ai galletti una bruciante sconfitta nella Poule Scudetto di Serie D. Invece le cose sono andate diversamente, pure al netto di una rosa indubbiamente più forte e più avanti nella preparazione atletica (l’Avellino, infatti, per problemi societari ha iniziato in ritardo mercato e ritiro) rispetto agli avversari.

Al termine di un primo tempo in cui aveva creato più di un’occasione da rete, il Bari è rientrato in campo sgonfio e si è ammosciato ancor di più dopo aver subito lo svantaggio a inizio ripresa, per poi destarsi invano soltanto nel finale. Ciò che ha colpito è stato il calo fisico della squadra di Cornacchini, giustificabile dall’aver schierato giocatori come Schiavone, ancora molto indietro fisicamente rispetto al resto dei compagni, per fargli acquisire minuti in vista dell’inizio del campionato. Non bisogna dimenticare che la Coppa Italia di Serie C non rappresentava in alcun modo un obiettivo stagionale per il Bari visto il suo valore puramente simbolico (mette in palio un posto ai playoff, un obiettivo che i galletti – candidati numero uno alla vittoria del campionato – ritengono di poter raggiungere attraverso la classifica in campionato).

Uno dei reparti che ha manifestato la maggiore sofferenza è stato proprio il centrocampo. Andrea Schiavone, che pure ha fatto vedere buone cose confermando di essere un interprete molto dotato tecnicamente nei primi 45′, ha retto appena un tempo, scomparendo di fatto nella ripresa. C’era la necessità di vederlo all’0pera, anche perché incarna quel tipo di centrocampista di costruzione con doti da regista che il Bari cerca da anni ma deve ancora lavorare per mettersi in pari con gli altri sotto l’aspetto della condizione fisica.

In tal senso, nella zona centrale del campo si è sentita tantissimo la mancanza di Zaccaria Hamlili. Il mediano italo-marocchino è stato tenuto a riposo nell’ambito del turn over praticato dal tecnico biancorosso. Con l’ex Pistoiese in campo – riconfermato dopo la scorsa stagione in cui è stato uno dei fedelissimi di Cornacchini – è tutta un’altra musica: sicuramente si perde qualcosa dal punto di vista tecnico ma parliamo di un calciatore che ha un’importantissima funzione da equilibratore tattico e al tempo stesso dà dinamismo al resto della squadra.

Lo stesso tecnico lo avrà capito (nel post partita ha dichiarato “Hamlili? Lo conosco benissimo, avevo bisogno di conoscere e valutare altri giocatori. Ho capito tante cose oggi e di li che si continua a lavorare”) e difficilmente lo lascerà ai box nella sfida di domenica in casa della Sicula Leonzio, valevole per la prima giornata di Serie C.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News