Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bari-Avellino, le pagelle: bene Terrani e Simeri, delude Antenucci

bari avellino

Prima sconfitta stagionale per il Bari di mister Giovanni Cornacchini che viene eliminato dal torneo: 1-0 ad Avellino nel secondo turno in Coppa Italia di Serie C.

Una partita dai due volti, prestazione positiva nel primo tempo con almeno tre occasione nitide da gol. Poi nella ripresa la rete subita su calcio di rigore (51′ Di Paoloantonio) che causa un crollo fisico e mentale dei galletti anche per la condizione fisica approssimativa e il caldo torrido (temperatura oltre i 35 gradi).

Frattali 6 – Quasi inoperoso, sul rigore subito non indovina l’angolo giusto. Sicuro nelle uscite alte.

Berra 5,5 – Inizia bene poi si perde col passare dei minuti. Qualche buon traversone dalla fascia ma avrebbe potuto incidere maggiormente. Dal 46′: Costa 5 – Uno sprint sulla sinistra e cross preciso. E dopo pochi minuti il black out per il nervosismo. Si fa notare per una spinta e un cartellino giallo.

Sabbione 6 – Buona prestazione per il centrale difensivo. “Cattivo” al punto giusto.

Perrotta 5 – Due episodi da dimenticare penalizzano la prestazione del difensore che ha sostituito capitan Di Cesare, out per un lutto familiare. Sbaglia un gol da un metro in scivolata e causa con un fallo di mano il penalty decisivo.

Corsinelli 5,5 – Esordio abbastanza anonimo. Non si fa notare per la caratteristica più importante: i traversoni dal fondo. Dal 65′: Floriano 6 –La migliore condizione fisica è ancora lontana, il numero 10 però prova a scuotere il Bari.

Schiavone 5,5 – Regge il centrocampo fino a quando lo “assiste” Schiavone. Nel finale entra in difficoltà e spesso preferisce alleggerire i palloni all’indietro piuttosto che tentare la giocata.

Scavone 6 – E’ il vero metronomo del centrocampo biancorosso. Riesce sempre a smistare il pallone con rapidità. 75 Dal 72′: Ferrari 6 – Entra nel finale e il suo peso offensivo si sente, forse esagera in qualche dribbling di troppo piuttosto che essere presente al centro dell’area piccola.

Kupisz 5 – Partita anonima. I dribbling dell’esordio con la Paganese sono un ricordo. Ha il merito di subire numerosi calci di punizione.

Terrani 6 – Il migliore del Bari nel primo tempo. Va vicino al gol con un’occasione nitida: sterzata secca e conclusione potente di destro che però viene respinta. Dal 65′: Neglia 6 – Fallisce una ghiotta occasione nel recupero.

Simeri 6 – Eurogol annullato per fuorigioco, colpo di tacco che lascia immobile Abibi e tanti rimpianti. Per il resto della partita corsa ed energia a sostegno del centrocampo. Passa da esterno d’attacco a centrale e alla fine seconda punta.

Antenucci 5 – Questo non è il vero Antenucci. Immobile e spesso anticipato dai difensori dell’Avellino. Dal 72′: Folorunsho 5 – Approccio non positivo al match, sbaglia molti palloni.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia del Bari: deciso il miglior portiere di sempre!

Ultimo commento: "Mannini volevo dire terza opzione"

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News