Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bari, Mignani: “Punto d’oro, che reazione dei ragazzi. Noi sotto di due reti senza meritarlo”

Il tecnico biancorosso analizza il segno X maturato al San Nicola contro il Sudtirol

Michele Mignani, allenatore del Bari, parla in sala stampa a poche ore dal fischio finale della sfida pareggiata contro il Sudtirol. Queste le sue dichiarazioni:

REAZIONE – “La partita è stata molto intensa, molto dura e molto tosta, ma lo sapevamo: il Sudtirol è sempre stata una squadra difficile da affrontare, lo dimostrano i risultati che sta ottenendo. La partita poteva finire con ogni risultato. Ci siamo trovati sotto di due reti senza meritarlo, bravi loro a farli ma il primo tempo secondo me è stato in equilibrio. Nel secondo tempo abbiamo alzato i ritmi, tirato fuori l’orgoglio e abbiamo anche provato a vincerla. Prendiamo questo pari come un punto guadagnato, un punto d’oro per la reazione avuta dai ragazzi”.

CHEDDIRA – “Cheddira mi ha fatto capire che non si sentiva libero mentalmente, era reduce da postumi di un infortunio. Non c’è stato bisogno di farlo entrare”.

LA PARTITA – “Se la mettevi sul piano puramente fisico avevi difficoltà perché loro avevano struttura e centimetri, la preoccupazione riguardava soprattutto le palle inattive. Abbiamo provato ad aprire dei calciatori in fase di impostazione pensando ci fosse tanta densità bene. Qualcosa ci è riuscito, soprattutto nella catena di destra e meno nella catena di sinistra”.

DIFFERENZE CON BENEVENTO – “A Benevento eravamo stati troppo piatti in attacco, oggi abbiamo deciso di partire con una punta più alta e due giocatori che lavoravano sotto come Antenucci e Salcedo. Quest’ultimo ha bisogno di spazi, quando ce li ha crea fastidio”.

TANTI CAMBI – “Abbiamo una rosa che ci consente di fare prestazioni identiche a prescindere da chi giochi. Maiello e Vicari hanno avuto un risentimento muscolare: nulla di grave, ma non erano liberi nel giocare la partita. Fosse stata l’ultima di campionato, li avrei avuti a disposizione. E’ stata una mia scelta”.

ARBITRO – “Ci sono determinate cose che non capisco e nessuno riesce mai a spiegarle. Oggi non ho capito ad esempio perché il guardalinee alza la bandierina e non lo comunica all’arbitro. E’ normale che la squadra possa essere indotta a fermarsi con la bandierina alzata, ma l’errore è stato nostro. Per me è chiusa qui, non possiamo allenare queste situazioni”.

TIFOSI – “Per i tifosi ho quasi finito le parole: venire a giocare al San Nicola è il momento più bello della settimana. Giocare in questo stadio è bello, verrebbe voglia di giocare anche a me”.

BOTTA – “Giocare dall’inizio con Botta sarebbe stata una forzatura e avrebbe esposto la squadra a degli squilibri. Nel secondo tempo gli ho chiesto di fare la mezzala e l’ha fatto bene. Ruben cuce bene il gioco, per certi versi può essere un bene allontanarlo dalla porta”.

RICCI E SCHEIDLER – “Ricci diventa devastante quando interpreta il suo modo di giocare a calcio, deve migliore nell’ultimo passaggio. Scheidler deve incattivirsi, oggi ha offerto una prestazione di qualità e quantità”.

62 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

62 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia del Bari: deciso il miglior portiere di sempre!

Ultimo commento: "Jean Francois Gillet ha prevalso su Franco Mancini ed Alberto Fontana, io ci aggiungerei pure Venturelli e Pellicano' 👏👏👏👏👏"

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News