Resta in contatto

Approfondimenti

Bari e gli esordi nel nuovo anno: contro il Monterosi per spezzare la ‘maledizione’ degli 1-1

Nelle ultime quattro stagioni, in casa biancorossa, sono stati ben tre nella prima del nuovo anno: unica eccezione il 2-0 al Messina in Serie D

Ancora 11 giorni e per il Bari di mister Mignani sarà tempo di tornare in campo per la sfida esterna sul campo del Monterosi Tuscia, primo appuntamento ufficiale del 2022. Un impegno da affrontare con la voglia di provare ad allungare ulteriormente sulle dirette inseguitrici nella corsa alla B e con l’obiettivo di spezzare una particolare maledizione relativa alle prime uscite del nuovo anno.

La compagine biancorossa nei tempi recenti sembra infatti abbonata all’1-1: sono addirittura tre nelle ultime quattro stagioni, ottenuti in B sul campo del Cesena e in C sul campo della Viterbese (lo stesso ‘Rocchi’ che farà da teatro al match con i laziali del prossimo 9 gennaio) e in casa contro la Turris. Unica eccezione quella dell’annata trascorsa in D (2018/2019), quando i pugliesi riuscirono a superare il Messina per 2-0 nel giorno dell’Epifania.

Per trovare menzione di un successo tra i professionisti all’esordio nel nuovo anno bisogna addirittura spostare la clessidra del tempo indietro fino al 6 gennaio 2011, data dell’ultimo storico derby vinto in casa del Lecce (0-1 in Serie A con gol decisivo di Okaka). Un altro grande stimolo, dunque, per provare a far bene.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Peccato sono solo 11, perchè ci sarebbero altri tipo Tovalieri, Daniel Andersson, Kenneth Andersson, Neqrouz, Gerson, Garzja, Mancini, De Rosa"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo i suoi bolidi dai calci di punizione ed in particolare il goal in in cosenza bari che ci spinse verso la A. Grande difensore."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "io ero in curva quando Maiellaro ci deliziava, la sua sfortuna è stata che in Nazionale ci stava prima Giannini e poi Baggio e Vicini due fantasisti..."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da Approfondimenti