Resta in contatto

Approfondimenti

Bari-Foggia, chi sale e chi scende: bene Maita, D’Errico non incide

I migliori e peggiori tra i biancorossi nel derby con il Foggia

Dieci gare, ventiquattro punti. Il Bari si ritrova ancora in vetta alla classifica ma deve fare i conti con il riavvicinamento del Catanzaro, ora a quattro punti dalla formazione biancorossa. Contro il Foggia, il Bari ha faticato non poco, gettando alle ortiche il vantaggio accumulato nel primo tempo.

CHI SALE:

MAITA – La rete è facile facile e corona una prestazione più che positiva, l’ennesima da inizio campionato. L’abito da play sembra stargli, gara dopo gara, sempre meglio. Anche nei momenti di maggiore difficoltà del Bari riesce a emergere.

MARRAS – L’uomo dei derby: dopo il Monopoli, Mignani lo sceglie nuovamente come titolare. Il numero 30 non tradisce le attese: vivacità e verve per l’attacco biancorosso che, però, non riesce ad abbattere totalmente il muro rossonero. Ci mette la fantasia e il solito sacrificio.

MALLAMO – Ancora titolare vista l’indisponibilità di Scavone: tantissima legna in mezzo al campo, tra i mediani del Foggia che hanno corsa e quantità a gogò. Molti anche gli inserimenti, poco fortunati. Propizia la rete di Maita, seppur in modo piuttosto casuale.

CHI SCENDE

D’ERRICO – La sua peggiore prestazione da quando è arrivato in Puglia. Gli riesce davvero poco, ed è anche nervoso: nel primo tempo battibecca anche con Terranova. Nel secondo tempo sembra avere margini di crescita ma quando ha l’occasione per infilare il raddoppio, spreca. Pochi minuti dopo, il cambio inevitabile e la rete del Foggia.

TERRANOVA – Ha tenuto molte volte il Bari a galla, nel derby commette l’errore fatale: scivola, così da permettere a Ferrante di superarlo e fulminare Frattali. Aveva provato anche il tris consecutivo personale ma il braccio di Ferrante (in piena area) gli ha negato una probabile gioia personale.

CHEDDIRA – Questa volta non ci sono reti divorate ma soltanto un certo senso di impotenza. Ingabbiato tra le strette maglie rossonere è costretto a giocare tante volte spalle alla porta. Combatte ma dalle parti di Alastra incide davvero poco.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "hai ragione ma è una classifica impossibile da fare ,troppi giocatori forti lasciati fuori . Se ci limitiamo agli ultimi 30 anni potrei essere..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "io ero in curva quando Maiellaro ci deliziava, la sua sfortuna è stata che in Nazionale ci stava prima Giannini e poi Baggio e Vicini due fantasisti..."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da Approfondimenti