Resta in contatto

Le pagelle di Labaricalcio

Bari-Foggia: D’Ursi doppietta-show, De Risio e Maita da applausi

La gara al San Nicola tra Bari e Foggia è appena terminata: queste le pagelle biancorosse di labaricalcio.it

 FRATTALI 6

Attento sulla botta iniziale di Salvi, nulla può quando Di Jenno gli si presenta davanti e lo fredda. Poi resta inoperoso.

CIOFANI 6

Scelto nel terzetto iniziale, ripaga la fiducia del tecnico rendendosi protagonista di una prova attenta e ordinata.

SABBIONE 6,5

Si attacca a Balde e non gli lascia spazio provando a giocare sempre d’anticipo. Una buona prestazione dopo le ultime brutte uscite.

DI CESARE 6

Lì dietro regala sicurezza, uno scontro a fine primo tempo non gli permette di terminare la gara.

SEMENZATO 6

Esterno a destra, non mancano sbavature soprattutto in fase d’appoggio. Ci mette il solito impegno, e tanto basta.

MAITA 6,5

Regista e luce del Bari che nel primo tempo impone il suo gioco e mette sotto il Foggia. Non entra nelle azioni delle reti ma regala la sensazione di essere sempre sul pezzo e pericoloso. Era evidente che alla squadra mancassero i suoi strappi.

DE RISIO 7

Non appariscente ma terribilmente utile. Prestazione autoritaria nel centrocampo, nonostante il Foggia fosse in superiorità numerica lì in mezzo. Non si tira indietro e ne esce vincitore. Notevole anche il lancio per Antenucci in occasione del 2-0.

ROLANDO 6,5

Imbastisce l’azione che sblocca il punteggio servendo Marras. Dalla sua parte ha un cliente scomodo come Kalombo ma se la cava. Peccato per l’ammonizione, ingenua, a un amen dall’intervallo.

MARRAS 6,5

Sblocca il risultato: sembra perdere il tempo per concludere ma riesce a trovare lo spazio giusto. Così ha il merito di indirizzare la gara e renderla più facile ai biancorossi. Non manca la solita generosità nella fase di non possesso.

ANTENUCCI 6,5

L’assist per il 2-0 è da applausi, non trova la rete ma è sempre presente per fare respirare la squadra e nel lavoro di sponda.

D’URSI 7,5

Il tiro strozzato dopo venti secondo poteva lasciare presagire un pomeriggio storto. Così non è: infila il 2-0 finalizzando una grande azione, chiude definitivamente i conti con la gemma del 3-1 che spezza le gambe agli avversari

PERROTTA 6

Sostituisce Di Cesare a gara indirizzata, non fa rimpiangere l’assenza del capitano.

LOLLO 6

Un quarto d’ora per far rifiatare D’Ursi e difendere il risultato già acquisito.

BIANCO 6

Rileva Maita e con quindici minuti ordinati e sapienti aiuta i suoi a portare a casa il successo.

ANDREONI 6

Si rivede in campo dopo quattro mesi: nei suoi quindici minuti c’è una buona incursione in area e un tiro alto di poco. Per i playoff è una freccia in più nella faretra di Auteri.

SARZI 6

Ritrova il terreno di gioco dopo due mesi di stop e un fastidioso problema alla caviglia. Si piazza a sinistra e non concede nulla agli avversari.

AUTERI 7

Il Bari doveva soprattutto convincere, e per larghi tratti, riesce a farlo. Bene l’approccio alla gara, azzecca le scelte. La squadra stacca la spina a inizio ripresa ma poi è brava a ritrovarsi e ristabilire le distanze senza farsi prendere dall’ansia.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "Certamente sono talmente tanti che andiamo a puntate😂 a questo punto abbiamo commesso una gaffe..Igor il grande allora?.."

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "È stato un grande di tutto il calcio Giuan u captan"

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Davvero un gran giocatore"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altro da Le pagelle di Labaricalcio