Resta in contatto

News

Bari, Antenucci: “A Bisceglie gol liberatorio. Il rigore sbagliato aveva lasciato scorie”

L’attaccante biancorosso ha parlato del gol decisivo nel derby e del momento attraversato dalla squadra

Ha deciso il derby col Bisceglie segnando l’unica rete dell’incontro, portando a 9 le sue marcature stagionali: pur non giocando la sua miglior partita, Mirco Antenucci è stato ancora una volta il trascinatore del Bari. L’attaccante molisano è stato ospite di TeleBari, dove ha commentato l’ultima uscita dei suoi in campionato: “Il gol di domenica è stato liberatorio ed è arrivato al termine di una partita difficile. Non siamo riusciti ad esprimerci come altre volte, come contro la Turris ad esempio. Ma il calcio è anche questo: ci sono partite in cui giochi molto bene, crei tanto e raccogli solo un punto e altre partite in cui obiettivamente non fai quello che devi e che siamo abituati a fare e porti a casa la vittoria. Ci teniamo strettissimi questi tre punti che sono fondamentali”.

Dopo un periodo non brillantissimo, il numero 7 è tornato a determinare un risultato: “Sono ovviamente contento per il gol, è valso una vittoria. Venivo da un rigore sbagliato, senti la responsabilità dei tre punti che non sono arrivati e, per come vivo io il calcio, ti resta qualche scoria. Lavoro e impegno sono le uniche ricette per riuscire ad uscirne”.

La partita con il Bisceglie ha sollevato diversi mugugni da parte dell’ambiente biancorosso: “Devo fare i complimenti alla squadra perchè non era semplice vincere, ma siamo consapevoli di dover fare di più. È stato bello esultare tutti insieme; siamo una squadra, stiamo bene insieme, nonostante il periodo difficile che tutti stiamo vivendo nella quotidianità. È un messaggio di forza e unione”.

E sul campionato e la rincorsa alla Ternana: “Stiamo facendo un buon percorso, ma c’è una squadra che sta facendo meglio di noi; guardiamo in casa nostra, cercando di migliorare le prestazioni, portandole tutte sul livello di quella contro la Turris. Giocando così può capitare un paio di volte di non raccogliere l’intera posta, ma nel calcio, se giochi in una certa maniera, con identità, i risultati arrivano. Se vorrei rigiocare qualche partita? Quando non vinci certo che vorresti rigiocare, ma ora non bisogna guardare indietro, ma solo giocare un grande girone di ritorno. Il campionato è lungo nonostante lo svantaggio; lavoriamo in maniera serena cercando di capire che bisogna dare ogni volta qualcosina di più”.

Foto: © SSC Bari
4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Beh, ci ha messo una pezza.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Sei l’unico che meriti rispetto! Forza Bari Forza Bisceglie 👏👏👏👏

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Forse un’altro attaccante avrebbe tirato a volo e forse il pallone andava alto. Invece lui che fa la palla da destra se la sposta a sinistra e poi tira,be solo un vero campione fa certe cose, bravo Mirco

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Infatti. Non bisogna prendere per i fondelli i tifosi del Bari come ha fatto Auteri domenica. Persino la giornalista di Antenna sud lo ha mandato a quel paese.

Advertisement

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "saltò più in alto di Hatley da fermo. Giuan un Grande"

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Davvero un gran giocatore"

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Ricordo un gran Gol che fece Lorenzo, in un'amichevole con la Signora, vinta dal Bari x 2-0. Fece partire un bolide d'esterno dx, imprendibile per in..."

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "È vero mi ricordo anch'io quell'episodio c'ero allo stadio era stata l'occasione migliore della partita da parte del Milan, e di Ganz."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News