Resta in contatto

News

Bari, Romairone: “Manca il concetto di squadra. Si vince e si perde insieme, che sia chiaro”

Il direttore sportivo biancorosso sottolinea un atteggiamento non ancora vincente nello spogliatoio, quello di pensare da squadra, mettendo da parte i desideri personali

“Ogni giorno voglio analizzare tutto, ricomporre e trovare soluzioni. Questo è il mio lavoro nella quotidianità. Non serve trovare il colpevole del momento perché ci sono delle cose, più e meno evidenti, e non è solo una questione tecnico tattica ma di armonia tra di noi, armonia quotidiana. È un discorso che si è affrontato in maniera più profonda e sul quale stiamo già lavorando da una decina di giorni”. Il direttore sportivo del Bari Giancarlo Romairone, in una conferenza stampa fiume, vira l’attenzione su un problema che era stato solo sfiorato anche dal capitano Di Cesare, già al termine della gara persa contro il Foggia due giornate fa.

C’è quindi qualche giocatore che fa le bizze perché vorrebbe minuti in più in campo: “Voglio che tutti capiscano che conta che vinca il Bari, sia che gioca uno o 90 minuti. – spiega Romairone – Queste cose ci sono di base nella squadra ma non sono esplose. Chi poi non sarà all’altezza, chi non sarà in grado, chi pensa che debba giocare tutte le partite beh…manca solo un mese e mezzo al mercato di gennaio e faremo le valutazioni necessarie”.

Si batte dunque sul concetto di gruppo e di squadra che significa che “quando si sta perdendo e si fa una sostituzione – spiega il ds biancorosso – si esce dal campo in fretta, così come di fretta si entra e quando si esulta si esulta tutti insieme. Questo tipo di atteggiamento è da giocatore vincente, capisco che non è facile comprenderlo e raggiungerlo. Ma alla fine poi se qualcuno ha qualche atteggiamento scorretto lo metto a posto io. Ma io oggi non sono qua per evidenziare le mancanze della squadra perché non si pensi che si debba voltar pagina. C’è solo da mettersi sotto e lavorare”.

Il direttore sportivo ha poi rimarcato il percorso del Bari dalla sconfitta nella finale Playoff alla ricostruzione della squadra: “Non mi sembra che si sia tanto apprezzato quello che è stato fatto l’anno scorso, l’ambiente chiedeva un cambio di rotta e si parlava di Bari come succursale del Napoli. E il presidente ha rimarcato che Bari è Bari. Un progetto che mi ha coinvolto e sul quale si è fatto delle scelte senza prendere “figurine”. Così abbiamo prima scelto l’allenatore senza compromessi e con le idee ben chiare. Abbiamo così iniziato a costruire una squadra per la categoria e con caratteristiche utili al gioco dell’allenatore. Ed è un percorso che ha bisogno di un po’ di tempo in più rispetto a chi è già strutturato”.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

si, ma sono 2 partite che si perdono in casa, con i 6 punti saremmomsaldamente al comando

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Ragazzi il DS sta dicendo una cosa gravissima: c’è gente che non rema con gli altri. E con il proprio malumore sta rovinando lo spogliatoio. Va malissimo, peggio delle lacune tecnico-tattiche palesate in campo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Una vera manica di cessi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Capito … altro flop quest’anno allora

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Ci state prendendo in giro,avete e abbiamo sempre detto che il nostro scopo è quello di portare il Bari nei canoni che gli compete. E voi invece ogni anno ci date allenatori,giocatori e staff tecnico non all’altezza. Se pensate di prenderci in giro con questi elementi che la domenica scendono in campo x fare il loro compitino settimanale è meglio che fate le valigie è sparite.Perche’ caro Presidente i baresi se perdono la pazienza sono molto peggiore dei napoletani.A Gennaio quando riapre il calciomercato invernale fai un piazza pulita di questi bidoni,metti veramente non facendo finta la mano al portafoglio… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Non bastano i nomi per fare una squadra.. Vogliamo un progetto serio che possa portare il Bari ai splendori di una volta… Sto rimpiangendo Mattarrese…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Chiarissimo il riferimento a Simeri !! Super valutato dalla tifoseria

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Dire che hai sbagliato il mercato è troppo…vero???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Venditori di fumo e acchiappagonzi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Voglio ricordare ai tifosi baresi formazione vincente non si cambia xche contro la ternana non e stata schierata la formzione di potenza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Lo spogliatoio é rottoooo dalla partita saltata con il trapaniii. Lo volete capire? Chi ci rimette siamo noi tifosi e il presidente spero che a gennaio cacciate chi da fastidio

Domenico
Domenico
14 giorni fa

Vattin va vaf l virm cie sta squadra

Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "tutti giocatori di don Vincenzo!"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News