Resta in contatto

News

Bari, Auteri: “Nel mercato tagliati i giocatori simili. La squadra mi ha stupito per la serietà”

Il tecnico biancorosso analizza questo inizio di campionato e il calciomercato appena concluso che gli ha dato una squadra tutta nuova

Siamo rientrati alla normalità. Domenica per fortuna ci toccherà un turno di riposo, ma sono giorni importanti perché chi è arrivato dopo può mettersi al pari con gli altri”. Così Gaetano Auteri, ai microfoni di Radio Bari, spiega la settimana di riposo biancorossa che servirà a ricaricare le energie e a permettere, a chi è arrivato dopo nel mercato estivo, di mettersi al passo di tutti gli altri.

E proprio sul mercato Auteri sembra molto soddisfatto: “Avevamo necessità di completare il reparto offensivo per sistemarlo. Numericamente c’era bisogno di togliere qualcosa in alcuni ruoli perché chi è andato via non ha lasciato perché giocatore mediocre, anzi. Ma c’erano tanti calciatori simili in mezzo al campo. Ci sono tanti giocatori in questa squadra che mi hanno colpito ma su tutto vedo e mi fa piacere la disponibilità e l’esperienza del gruppo dei cosiddetti grandi, come Di Cesare, Antenucci, Bianco, Frattali e Sabbione. C’è grande voglia e grande serietà dal punto di vista del lavoro. È una cosa che sapevo già ma quando lo verifichi quotidianamente è sempre una sorpresa, danno un grande esempio a tutti”.

Iniziato il campionato, iniziano, giornata dopo giornata, a definirsi i valori e le potenzialità di tutte le squadre: “Ci sono squadre che sono partite male, ma c’è spazio e tempo per tutte le squadre di recuperare. Ci sono cinque o sei squadre importanti in questo campionato, così come escono i vari outsider. Ma non conviene fare disamine in questo momento su squadre, avversari e classifica perché niente è ancora definito e analizzare punti e giocatori non ha molto senso”.

Dopo tanti mesi tornerà il pubblico nello stadio del San Nicola, anche se solo in mille spettatori: “Mi auguro che si possa riempire lo stadio e che questa emergenza finisca. Il calcio è un veicolo sociale, fatto di emozioni perciò il calcio non è calcio senza tifosi però accettiamo questa mini apertura. Nel nostro stadio, con le potenzialità che ci sono, numericamente si potrebbe essere aprire a più persone però, per adesso, va bene anche una piccola apertura”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "come non ricordare Magnanini Kappa Rebizzi Seghedoni Conti Erba Cicogna Catalano"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News