Resta in contatto

Approfondimenti

Il commento. Nel momento più delicato, brilla una speranza chiamata Bari

La contingenza legata alla pandemia impedisce di godersi appieno il frangente dei biancorossi che, però, restano un conforto per tanti tifosi.

Chissà come sarebbe stato senza pandemia. Chissà che cosa si sarebbe detto di un Bari che dai viaggi torna a casa avendo puntualmente rifilato tre reti all’avversario di turno. Chissà se il San Nicola avrebbe ripreso a riempirsi come ai tempi belli. Forse si sarebbero alzati cori per Mirco Antenucci, bomber dalle cifre sbalorditive. Forse Gaetano Auteri avrebbe calamitato simpatie con quel suo fare schietto ed il suo calcio che certo abbatte qualsiasi noia. Inutile prendersi in giro. Non possiamo goderci il momento come vorremmo. Numeri, bollettini, preoccupazione ed incertezza riempiono gran parte delle nostre giornate. Non possiamo esultare insieme o abbracciarci. Siamo costretti a vivere questo calcio sincopato in stadi silenti.

L’adrenalina, il “furore” agonistico ed il campanilismo si sono affievoliti. Il calcio che troppe volte è la ragion di Stato, in questo momento è un conforto, uno strumento di compagnia, la speranza che ci riprenderemo ciò che ci appartiene. Non è giusto, però, pensare che il carrozzone debba proseguire solo per intrattenere la gente. Ogni giorno nel mondo del pallone si registrano contagi che con loro portano tante conseguenze: isolamenti, famiglie costrette a dividersi, interrogativi inevitabili sulla salute di atleti che sono uomini, non la distrazione degli utenti e nemmeno gli strumenti da sacrificare per portare avanti un fondamentale settore economico. Interrogarsi se stiamo procedendo nel modo giusto è doveroso. Chiedersi se si possa fare di più per tutelare la salute di tutti i protagonisti è una priorità. Ma nel frattempo, è innegabile che, venendo alle nostre latitudini, ammirare una prodezza di Antenucci, uno stacco poderoso di Di Cesare o un dribbling di Marras sia qualcosa che allontani i brutti pensieri e scalda il cuore. Leggere il nome Bari in vetta ad una classifica è un motivo di orgoglio e un biglietto da visita su un futuro migliore. Inutile soffermarsi su noiose ed interminabili disquisizioni tecniche. Ma un appello alla banda di Auteri viene comunque spontaneo: continuate a giocare questo calcio d’attacco, continuate a vincere. Fatelo per regalare un sorriso a chi ne ha tanto bisogno. Fatelo per tutta quella gente che, anche a distanza, ha il Bari nel cuore. E che non vede l’ora di sommergervi d’affetto.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "come non ricordare Magnanini Kappa Rebizzi Seghedoni Conti Erba Cicogna Catalano"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti