Resta in contatto

Approfondimenti

Gaetano D’Agostino non ha dubbi: “Il Bari deve puntare alla promozione diretta”

L’ex giocatore biancorosso ora tecnico del Lecco si proietta sulla stagione di serie C ormai imminente. “Sarà il campionato dei giovani? Io punto ancora su Antenucci”.

Il Bari è la squadra che gli ha dato la prima grande chance nel calcio dei grandi. Alla Virtus Francavilla si è rivelato come tecnico. La Puglia è ben impressa nel cuore di Gaetano D’Agostino. L’ex calciatore siciliano è l’allenatore del Lecco, nel girone A di serie C, ma la sua conoscenza della categoria e del raggruppamento centro-meridionale è davvero particolareggiata. Perciò, presenta la stagione che scatterà domenica prossima. “Sarà un torneo – confida alla Gazzetta del Mezzogiornopurtroppo ancora condizionato dalla pandemia in corso. La notizia di aprire gli stadi ad un pubblico anche se ancora molto ridotto è un punto di speranza. Perché il calcio senza gente non è lo sport che siamo abituati ad amare. Ma ci sono ancora molti fattori di incertezza: i protocolli sanitari sono molto costosi, l’attenzione che gli atleti devono mettere nella vita quotidiana è capillare, il mercato è ridotto a causa delle poche risorse finanziarie a disposizione. Nonostante tutto, non vediamo l’ora di scendere in campo: gran parte della categoria è ferma da marzo e il tempo sembrava interminabile”.

Quindi, ecco l’analisi del girone C: “Parliamo di un contesto in cui ci saranno Bari, Palermo e Catania: tre realtà enormi. A cui aggiungere club ambiziosi come Avellino, Ternana e Catanzaro. Insomma, è davvero un girone micidiale. Per il Bari ho sempre un debole: sono arrivato in biancorosso dalla Primavera della Roma e quel biennio (63 presenze dal 2001 al 2003, con due reti, ndc) mi ha reso uomo. Sentimenti a parte, vedo i Galletti come la grande favorita per organico e per le capacità di un allenatore carismatico come Auteri, ma con avversari così blasonati, i margini di errori sono ridottissimi. Sarà il campionato dei giovani? i ragazzi devono giocare soltanto se sono bravi ed hanno talento. Non basta che portino benefici ai club per il minutaggio. Nel girone C per il momento vedo ancora calciatori di grande livello tra quelli più esperti: Antenucci è un bomber pazzesco per la categoria, Falletti della Ternana ed Izco del Catania hanno classe e colpi da altri palcoscenici”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 del Bari di tutti i tempi: ecco l’undici finale scelto dai tifosi!

Ultimo commento: "come non ricordare Magnanini Kappa Rebizzi Seghedoni Conti Erba Cicogna Catalano"

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti