Resta in contatto

Rubriche

Viaggiando con il Bari: tappa a Bisceglie

E’ una delle trasferte più vicine per i tifosi biancorossi. E allora, non va persa l’occasione di visitare una città ricca di storia.

Appena 44 chilometri separano Bari da Bisceglie: un mini viaggio che dura poco più di mezzora. La città cade, però, cade nella provincia di Barletta-Andria-Trani e conta oltre 55mila abitanti. Ecco, quindi, i suoi tratti distintivi.

Da vedere: le origini di Bisceglie sono antichissime e risalgono addirittura al paleolitico. All’età del bronzo sono databili due dolmen, considerati tra i più belli d’Europa: il dolmen della Chianca ed il dolmen di Albarosa. Da non perdere anche il porto antico, il castello federiciano con la torre maestra e la cattedrale.

Da gustare: deliziosi sono ceci e cavatelli, le cime con strascinati e cardi, le tante pietanze di pesce e l’uva, in particolare di tipo baresana. Una tipica ghiottoneria è u calzaune, focaccia ripiena di sponsali e baccalà, olive nere, acciughe, peperoncino e uva passa.

I personaggi famosi: Bisceglie ha una grande tradizione sia nella Chiesa con il vescovo Francesco Bruni e l’arcivescovo Domenico Ventura, sia nella musica con Mauro Giuliani, compositore, violoncellista e chitarrista italiano.

Gli altri sport: tra gli emergenti, meritano attenzione il tennista Andrea Pellegrino classe 1997 e la nuotatrice Elena Di Liddo, campionessa italiana, con tre ori anche ai Giochi del Mediterraneo.

Lo stadio: è intitolato a Gustavo Ventura, ex allenatore-presidente della Diaz Bisceglie, poi diventata A.S. Bisceglie. La capienza è di 5mila posti, ma attualmente gli spettatori ospitabili sono 3.200.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Giochiamo con l Inter?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Tutti in ????????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

È una bella città fatta anche di gente cordiale e calorosa

Advertisement

Franco Mancini, il giaguaro che volava tra i pali

Ultimo commento: "Ricordo, da ragazzo, un Bari-Milan 0-0 del 1998 in cui Ganz a qualcosa come 30 cm. dalla porta tira di testa a colpo sicuro e Mancini fa una parata..."

Pietro Maiellaro, genio e sregolatezza

Ultimo commento: "Originalissima la sua intervista dell'89, se non ricordo male alla Domenica sportiva : " faccia due nomi di grandi attaccanti della serie A con cui..."

Lorenzo Amoruso, il muro biancorosso

Ultimo commento: "Fisicaccio"

Giovanni Loseto, “il Capitano”

Ultimo commento: "Danc' nu tuzz Giuan danc' nu tuzz!"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rubriche