La Bari Calcio
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Il trenino del Bari compie 25 anni: storia della celebre esultanza (video)

Diventata il marchio di fabbrica dei galletti a metà degli Anni ’90, l’usanza importata da Guerrero compie un quarto di secolo

Nella cultura di massa degli appassionati di calcio, il nome del Bari riporta immediatamente alla mente la celebre esultanza del trenino resa celebre dai calciatori biancorossi a metà degli Anni ’90. Quel modo singolare di celebrare i goal – come ricorda La Gazzetta del Mezzogiorno – fu importato in Italia da Miguel Ángel Guerrero, attaccante colombiano acquistato dall’Atletico Junior. “A Barranquilla la usavamo – ha raccontato in passato la punta sudamericana – così decisi di riproporla ai miei compagni in Italia”.

La prima volta del trenino del Bari risale al 25 settembre del 1994 in occasione di Padova-Bari, incontro vinto 0-2 dai galletti, tuttavia, l’esultanza divenne famosa agli occhi di tutta l’Italia del pallone il 16 ottobre del 1994. In quell’occasione il Bari era di scena a San Siro contro l’Inter e vinse 1-2 con le reti di Guerrero e Tovalieri, sfoderando un’esultanza così caratteristica tanto da essere persino ripresa nel celebre film ‘Selvaggi’.

Da allora è stata sporadicamente riproposta da diversi interpreti che hanno vestito la maglia del Bari, da Ventola a Barreto, passando per i ragazzi della ‘meravigliosa stagione fallimentare’. Da tifoseria molto legata alle tradizioni com’è quella barese, c’è da star certi che se questa esultanza fosse riproposta anche dal gruppo allenato da Vivarini susciterebbe l’inevitabile entusiasmo dei supporters biancorossi.

Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Mah!

Non sembra una cosa poi cosi’ edificante e, coreograficamente, non e’ neanche un gran che’…

personalmente preferirei un gesto da “tutti per uno, uno per tutti” ovvero alla “tre moschettieri”, ma,
de gustibus, se il trenino piace a molti, cosa vuoi che importi cio’ che piace a uno solo!

Ovviamente il concetto e’ estensibile anche alle scelte politiche, sia quelle fatte tra i quattro cartoni delle cabine elettorali che quelle successive, nelle strade, nelle Tv, nelle chiese, in ogni mare in ogni lago… in ogni fiume.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Lo rivogliamo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

guerrero paz

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Guerrero e Sandro Tovalieri.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Magari a rivederlo proprio ad avvellino

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Sarebbe bello ripristinarla

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Non so se vorrei lo facessero: troppi ricordi, troppo bello quel tempo e quel Bari! Chi dovrebbe lanciarsi sotto la curva come faceva tovalieri avviando il trenino? Simeri? Antenucci? Floriano? Sarebbe una caricatura, un scimmiottare per piaggeria….

Articoli correlati

Giovedì l'ultima gara della stagione: biancorossi costretti a vincere per restare in serie B...
Il focus del quotidiano in vista del match di ritorno contro la Ternana...
L'analisi delle sostituzioni: anche Ciro Polito ha ammesso i problemi...

Dal Network

Ennesima follia da parte di Dazn: l'emittente ha alzato ancora i prezzi e i tifosi...
Roberto Breda, tecnico della Ternana, si presenta in sala stampa per presentare la gara d’andata...
Rolando Maran è intervenuto in conferenza stampa nel post partita di Bari-Brescia, incontro terminato con...

Altre notizie

La Bari Calcio