Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Brienza: “Nostalgia dello spogliatoio. A gennaio inizio il corso da allenatore”

L’ex fantasista biancorosso, ritiratosi da poco, racconta i suoi primi mesi senza calcio giocato e i progetti per il futuro

Franco Brienza è recentemente tornato a far parte della famiglia della SSC Bari, non più nelle vesti di giocatore ma con un incarico dirigenziale. A 40 anni compiuti per l’ormai ex fantasista è arrivato il momento di dire addio al campo e misurarsi con il suo nuovo doppio ruolo da brand ambassador e osservatore dei galletti.

In un’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, Brienza ha raccontato: “Rappresentare Bari è un’enorme responsabilità ma anche un grande piacere. Quella appena trascorsa è stata l’estate più lunga della mia carriera. Per oltre 20 anni ho fatto le stesse cose, giocando a calcio fin da ragazzino. Ora è tutto diverso, è normale, ci vorrà tempo per calarmi in questa dimensione”.

Per un calciatore smettere non è mai semplice e spesso significa misurarsi con una realtà del tutto nuova: “Cosa mi manca di più? Lo spogliatoio, la routine quotidiana, la preparazione alla partita. Ho ancora le energie, la mentalità del calciatore”. Brienza, tuttavia, non ha intenzione di starsene con le mani in mano: “Oltre a ricoprire il ruolo che mi è stato affidato dal Bari a gennaio comincerò il corso per allenatore di base. Vorrei capire se, magari, posso essere attratto dalla panchina”.

Ex biancorosso, ma anche reggino, Brienza sarà in tribuna per assistere al big match di lunedì sera al San Nicola: “Vedere Bari e Reggina in Serie C mi fa ancora un effetto stranissimo ma guardo avanti. Neanche in B hanno gli spettatori di Bari e Reggio. Ora ci sono società solide e serie. Che partita mi aspetto? Credo sarà un match divertente, la Reggina non farà barricate”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

La Top 11 della storia del Bari: deciso il miglior portiere di sempre!

Ultimo commento: "Fantini e Caffaro primi anni 80"

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News