Resta in contatto

News

Cornacchini: “Tante cose da rivedere ma i ragazzi lavorano duramente. Gli insulti…”

Il tecnico è convinto che i suoi ragazzi possano subito riscattarsi

Dopo una settimana difficile il Bari si appresta a scendere nuovamente in campo. Contro il Rieti, fanalino di coda del campionato, i galletti sono chiamati a un pronto riscatto. Il primo ad augurarselo è mister Giovanni Cornacchini.

“La settimana è andata bene. I ragazzi hanno lavorato seriamente, come fanno sempre. Sono carico e sereno. Abbiamo lavorato sul terreno del San Nicola – le parole del tecnico in conferenza stampa – Il problema principale? Dobbiamo trovare l’equilibrio giusto, a maggior ragione con una squadra tutta nuova. Stiamo lavorando insieme da due mesi. Per quanto vedo in allenamento non posso criticare nessuno. I ragazzi hanno sposato la nostra causa, è un gruppo sano. La squadra è forte e deve saper reggere le pressioni. Abbiamo incontrato qualche difficoltà, non c’è dubbio. Dobbiamo essere più sereni e più coraggiosi nelle giocate. Pensavo si potesse giocare in una maniera. Alla resa dei conti credo che al momento non si possa fare. Abbiamo poco peso in avanti e dietro prendiamo gol”. 

“Le chiacchiere stanno a zero. Bisogna pedalare. Io ho delle convinzioni – ha proseguito Cornacchini – Troveremo una nostra identità. Ho letto tante cose sui giornali, giuste o sbagliate che siano. Per me Bari è e resta una grande sfida. Devo riuscire a trasmettere la mia idea di calcio alla squadra. Prima o poi ci arriveremo. E dovremo trovare la bravura per raggiungere i risultati.  I nuovi arrivati? Sono in grado di giocare dal primo minuto. Awua ha grande dinamismo, è una mezzala che ha forza e velocità. Bianco è un giocatore di carattere ed esperienza. Serve anche e soprattutto questo per giocare in questa categoria, a maggior ragione in una piazza come Bari”. 

Pochi giorni fa il tecnico è stato vittima di uno spiacevole episodio. Mentre si recava agli allenamenti è stato pesantemente insultato da un tifoso: “M’è dispiaciuto soprattutto per la moglie di questo signore. Ha fatto una figura allucinante. La moglie ha provato a trattenerlo. Pensate un po’ se questo tipo è partito apposta da casa per fare una cosa del genere…”

Due parole sul prossimo avversario: “E’ una squadra di categoria, non demorde mai, viene da due sconfitte immeritate, visto che gli episodi hanno fatto la differenza. Vorranno sicuramente riscattarsi. Noi vogliamo riscattarci più di loro. La classifica? E’ ancora presto per parlarne. Sarà un campionato lungo e pieno d’insidie. Bisognerà battagliare ed essere concreti in tutte le gare. Da questo punto di vista forse l’abbiamo fatto troppo poco”. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News