Resta in contatto

News

Garzya: “Un’alternativa in più in difesa potrebbe tornare utile”

L’ex capitano biancorosso ha detto la sua sulla stagione che attende il Bari invitando a non soffermarsi sul k.o. di Avellino ma pensando piuttosto a una stagione che sarà piena di insidie

Dopo il passo falso di Avellino sembrano essersi addensate diverse nubi sul Bari e sul tecnico Giovanni Cornacchini. La sconfitta del Partenio brucia, tuttavia le va attribuito il giusto peso: anche se si trattava di una gara ufficiale, il match di Coppa Italia di Serie C (non un obiettivo della società) è stato utilizzato da Cornacchini per fare qualche esperimento tattico, vedere all’opera chi ancora aveva giocato meno e concedergli minutaggio.

Gran parte delle contestazioni derivano dal fatto che il Bari – a detta di tutta la critica sportiva – possiede una delle rose più attrezzate in assoluto nel panorama della Serie C, e per questo avrebbe dovuto aver facilmente ragione degli avversari, a prescindere dalla condizione e dagli uomini in campo. Ad ogni modo, c’è chi come Luigi Garzya, ex capitano del Bari, in biancorosso dal ’96 al 2000, conosce le criticità della categoria: “Più che della sconfitta di Avellino mi occuperei del fatto che sarà un campionato molto diverso dallo scorso – avverte dalle pagine di Repubblica BariSulla carta l’organico che ha in mano Cornacchini ha una marcia in più, ma l’anno scorso avevano ottime squadre anche Catania, Reggina e Catanzaro. Sono ancora in C”.

Nelle prime due uscite ufficiali il Bari ha incassato tre reti, due nella sfida contro la Paganese, una contro l’Avellino. In particolare i due goal subiti al San Nicola hanno destato qualche allarme sulla tenuta difensiva (al Partenio, invece, il rigore è stato il frutto di una sfortunata deviazione con il braccio di Perrotta). Anche per questo, Garzya crede che in un reparto che può contare sull’esperienza di Di Cesare e su due difensori rocciosi come Sabbione e Perrotta (oltre al giovanissimo Esposito, alla prima stagione tra i pro). Garzya ritiene che un ulteriore rinforzo nel pacchetto arretrato non sarebbe un’idea malvagia: “Secondo me l’ultimo innesto arriverà in difesa, in attacco sono davvero tanti. In difesa un’alternativa in più può tornare utile”.

Riguardo a chi dovrà essere il trascinatore dei galletti in questa stagione, invece, l’ex difensore non ha alcun dubbio:  “Mi aspetto tantissimo da Mirco Antenucci. Dovrà essere un trascinatore assoluto, come ha fatto alla SPAL”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Bari, mercato chiuso: siete soddisfatti della rosa costruita da Romairone?

Ultimo commento: "Dare un voto si diventa cicinici, non è il voto che conta, QUELLO CHE CONTA è LA CAPACITA DELLE QUALITA CHE SI ESPRIMONO SUL CAMPO, saranno capaci..."

Cavese-Bari: per i tifosi Celiento è il migliore in campo

Ultimo commento: "Ottimo acquisto, avanti così"

Viterbese-Bari 0-3: votate il migliore in campo

Ultimo commento: "il mio migliore in campo e antenucci, gol e assist che vuoi di piu?"

Bari: oltre il 70% dei tifosi che ha votato il nostro sondaggio promuove il mercato

Ultimo commento: "E' bene che la Società ci ripensi sulla gestione del caso Hamlili visto che il calciatore è attaccatissimo al Bari. E poi se manca qualcosa la..."
Advertisement

I Miti biancorossi

Il giaguaro che volava tra i pali

Franco Mancini

"Il Capitano" biancorosso

Giovanni Loseto

Il goleador del Bari, capocannoniere in A nel 1996

Igor Protti

Un idolo scolpito nel cuore dei tifosi del Bari

Joao Paulo

Il gigante svedese che ha fatto innamorare Bari

Klas Ingesson

Il muro biancorosso

Lorenzo Amoruso

L'antieroe biancorosso

Phil Masinga

Genio e sregolatezza del Bari

Pietro Maiellaro

Il "Cobra" biancorosso

Sandro Tovalieri

Il galletto svedese

Yksel Osmanovski

Altro da News